Archivi categoria: Bandi, manifesti, materiale effimero

Stampa clandestina del Centro di Ateneo per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea (Padova)

Supplemento a Il Cacasenno. Quindicinale polemico della 2 Divisione Alpina "Giustizia e Libertà".

Supplemento a Il Cacasenno. Quindicinale polemico della 2 Divisione Alpina “Giustizia e Libertà”.

«La raccolta di stampa clandestina dell’Istituto veneto per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea (Ivsrec), ora Centro di Ateneo per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea (Casrec), è costituita da 597 immagini suddivise in 49 collezioni.

Essa comprende giornali e materiale di propaganda (opuscoli, manifesti, volantini a stampa e anche copie ed estratti dattiloscritti o ciclostilati, in gran parte di area veneta) prodotto dai partiti politici, dai Comitati di Liberazione, dalle formazioni militari partigiane, dai comandi Alleati (PWB-Psychological Warfare Branch, Italy) durante la lotta di Liberazione fra il 1943 e il 1945. Include anche alcuni documenti di propaganda fascista perché attinenti in vario modo a materiali di stampa clandestina e con essi pervenuti. Per completezza si è deciso di inserire anche una serie di documenti contenenti direttive per la stampa, bozze, richieste, indicazioni relative alla preparazione e alla diffusione del materiale di propaganda.

I documenti sono conservati nell’Archivio del Centro di Ateneo per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea dell’Università di Padova.
La digitalizzazione è stata realizzata con il contributo della Regione Veneto (legge 29/2010)».

URL: <https://phaidra.cab.unipd.it/collections/casrec_stampa_clandestina>

Propaganda politica in Cina (1947-1954): la raccolta di opuscoli e manifesti di Edward Hunter

China_1

Segnaliamo la raccolta di opuscoli e manifesti di propaganda politica del governo comunista cinese raccolti da Edward Hunter (1902-1978), giornalista americano e agente dei servizi segreti.

Il progetto è curato dal CRL – Center fot Reserach Libraries.

 

Chinese Pamphlets. Political communication and mass education in the early period of the People’s Republic of China

The Hunter Collection consists of mass education materials published in Hong Kong and in Mainland China, particularly Shanghai, in the years 1947-1954. These include approximately 200 cartoon books, pamphlets, postcards, and magazines, heavily pictorial in content, on such topics as foreign threats to Chinese security, Chinese relations with the Soviet Union, industrial and agricultural production, and marriage reform. The materials were produced by both Kuomintang (Chinese Nationalist) and Communist regimes, and appear to be directed at the general youth and adult populations of China.

(>> leggi la pagina di presentazione)

URL: <http://ecollections.crl.edu/cdm4/index_hunters.php?CISOROOT=/hunters>

Manifesti e fogli volanti del movimento operaio del primo Novecento

imgres

La BNCF – Biblioteca nazionale centrale di Firenze ha digitalizzato e reso disponibili in rete una raccolta di manifesti e fogli volanti del movimento operaio italiano del primo Novecento.

La raccolta d’immagini digitali si riferisce a circa 100 documenti (manifesti, volantini, circolari, accordi collettivi di lavoro, cartoline postali e numeri unici) fatti stampare tra la fine dell’Ottocento e la prima guerra mondiale da Camere del lavoro, sindacati di categoria (metalmeccanici, tessili, ferrovieri, edili, lavoratori agricoli ecc.), società di mutuo soccorso, cooperative e associazioni varie.

Questi documenti a stampa sono stati depositati presso la Biblioteca nazionale centrale di Firenze direttamente dalle tipografie negli anni in cui sono stati stampati, in ottemperanza alla legge allora in vigore sul deposito legale. Oggi rappresentano una importante fonte di notizie per la storia dell’Italia contemporanea.

I materiali selezionati nella raccolta digitale offrono una panoramica di circa sessanta anni a cavallo tra ‘800 e ‘900, documentando alcune fasi della storia del movimento operaio e sindacale italiano con notizie di eventi accaduti in diverse Regioni d’Italia: dal Piemonte alla Sicilia, dal Veneto alla Puglia. I documenti originali fanno parte del fondo “Pubblicazioni Minori” del Settore Materiali Speciali della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.

URL: <http://www.bncf.firenze.sbn.it/pagina.php?id=149&rigamenu=Manifesti>

Manifesti tedeschi di storia contemporanea

Plakat

La biblioteca regionale del Württemberg, con sede a Stoccarda  (Württembergische Landesbibliothek Stuttgart), ha digitalizzato una parte della sua bella collezione di manifesti.

La raccolta completa comprende circa 30.000 manifesti scritti e illustrati, dai tempi del Kaiser fino all’anno 2005.

In questa banca dati si possono cercare manifesti risalenti alla prima guerra mondiale, alla Repubblica di Weimar, al Terzo Reich e parte della raccolta relativa all’arco temporale 1945 – 1970.

Il punto di forza tematico della raccolta è rappresentato dai manifesti di politica tedesca. Accanto alle affiches illustrate, la collezione contiene anche numerosi manifesti murali a testo pieno: proclami  di ordinanze, leggi, annunci di manifestazioni pubbliche, comunicati di propaganda elettorale ecc.

Degni di evidenza sono i proclami delle autorità militari della Prima guerra mondiale e delle autorità di occupazione della Renania diffusi negli anni 1918/19, come anche le prescrizioni di legge promulgate dagli alleati dopo il 1945.

Una serie di manifesti documenta le manifestazioni politiche della fine della Repubblica di Weimar a Stoccarda.

La banca dati contiene al momento oltre 4500 manifesti, dei quali circa 2500 con illustrazioni.

>> Vai alla maschera di ricerca

URL: <http://avanti.wlb-stuttgart.de/bfz/plakat/index.php>

1968: manifesti e affiches del Maggio francese

Nel maggio del 1968 la Francia fu scossa da un’ondata di protesta sociale senza precedenti: un’agitazione studentesca di dimensioni e qualità inconsuete innescò una rivolta operaia che giunse a paralizzare la produzione per quasi un mese.

I manifesti e le affiches che circolavano in quei giorni nelle strade e nei luoghi pubblici rappresentano oggi una preziosa testimonianza storico documentaria del clima politico e sociale del Sessantotto.

La BnF-Bibliothèque nationale de France ha digitalizzato e reso accessibili in Rete più di 400 manifesti politici, disponibili per la consultazione su Gallica (ricerca per parole chiave: France 1968 Journées de mai)

La storia della Bolivia in una raccolta di pamphlet

The Alfredo Montalvo Bolivian Digital Pamphlets Collection è una collezione di 715 pamphlet che furono donati dal libraio boliviano Alfredo Montalvo alla Cornell University.

Gli opuscoli documentano un secolo di cultura in Bolivia, a partire dal 1848.

This collection of 715 digitized works comes principally from a donation made to Cornell by the Bolivian bookseller, Alfredo Montalvo, who has supplied the university with library materials for over a quarter century. The pamphlets document a century of Bolivian literate culture, beginning in 1848. They show a nation’s struggle to establish viable institutions, to develop its economy, to educate its children and the back and forth of political argument. In their aggregate these pamphlets capture the energy of the Bolivian people-sometimes misdirected, often contentious, but never quiescent.

URL: <http://bolivianpams.library.cornell.edu/>

Collezione di manifesti della Repubblica sociale italiana

Nel 1965 l’Istituto per la Storia della Resistenza nelle Tre Venezie, ora Istituto Veneto per la Storia della Resistenza e del’Età Contemporanea (IVSREC), ha acquistato una raccolta di 109 manifesti murali della Repubblica Sociale Italiana (RSI) da un privato.

Nel 2003 il Polo Bibliotecario Lettere-Capitaniato della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli studi di Padova, in accordo con l’IVSREC, ha presentato un progetto di recupero e valorizzazione della raccolta.

Il progetto ha previsto il restauro, la catalogazione e la digitalizzazione di tutti i manifesti della collezione.

Nel progetto è poi stata inclusa anche la catalogazione e la digitalizzazione di tre fotografie per la loro relazione diretta con due manifesti della collezione.

URL: <http://manifestirsi.cab.unipd.it/>

Fogli volanti e manifesti della Biblioteca Franco Serantini di Pisa: catalogo e riproduzioni digitalizzate

La Biblioteca Franco Serantini di Pisa ha avviato l’opera di digitalizzazione del proprio posseduto di manifesti murali e fogli volanti composto da diverse migliaia di pezzi, che coprono un arco temporale che va dall’Unità ai giorni nostri, focalizzando l’attenzione sul periodo che va dall’Unità d’Italia alla nascita della Repubblica.

La prima fase del progetto ha previsto un censimento, molto sommario, dei fogli volanti del periodo temporale previsto presenti nelle collezioni e nei fondi della biblioteca. Si è passati poi alla digitalizzazione del materiale selezionato e poi alla catalogazione. La catalogazione, tuttora in corso, è effettuata con il software open source Koha.

Lo scopo di questo progetto è quello di valorizzare un materiale, considerato per decenni materiale minore e quindi poco conservato negli archivi e nelle biblioteche e soprattutto poco reso visibile, sepolto il più delle volte nei magazzini in attesa di essere inventariato e catalogato. Negli ultimi anni stiamo assistendo fortunatamente ad un risveglio dell’interesse per i fogli volanti e i manifesti. Tale nuova attenzione si colloca nel più ampio quadro dell’utilizzo della digitalizzazione dei testi manoscritti e a stampa per preservarne la conservazione e la memoria. I fogli volanti così come i manifesti sono infatti materiali più facilmente deperibili dei libri (per la scarsa qualità della carta, spesso di pochissima grammatura, e per la mancanza di una legatura che consolida) e quindi i più indicati per l’utilizzo delle nuove tecnologie, adatte anche a limitarne l’uso frequente. Le campagne di digitalizzazione hanno reso anche necessaria una riflessione adeguata sui criteri biblioteconomici e catalografici per il trattamento di questo materiale, riflessione che per ora è avvenuta in maniera poco omogenea e limitata spesso a fasce selzionate di materiale (come i bandi, i manifesti grafici, i fogli volanti antichi).

Il valore storico e documentario di questo materiale è indubbio. Grazie all’immediatezza dei messaggi veicolati e l’uso della grafica e delle illustrazioni, i fogli volanti e i manifesti sono stati capaci di raggiungere ampi strati della popolazione urbana, comprese le fasce sociali non acculturate o solo parzialmente alfabetizzate. Caratteristica di queste pubblicazioni è la loro natura occasionale, spesso legata all’ambiente locale. Questo legame con l’evento o con i fatti avvenuti in un determinato momento temporale rendono questo materiale unico e fondamentale per un’adeguata ricostruzione storica, non solo per conservare la memoria degli avvenimenti ma per capirli e approfondirli da ogni angolazione e per rompere il velo d’oblio che circonda e avvolge personaggi e figure, definite ‘minori, della Storia.

URL: <http://bfskoha.ns0.it/>

Editti e bandi pontifici dell’Inquisizione: la raccolta digitale della Biblioteca Casanatense

La Biblioteca Casanatense è da tempo riconosciuta come una delle sedi di ricerca privilegiate grazie in particolare al ricchissimo fondo degli Editti e bandi pontifici conservato dall’Istituto, fondo che nel suo complesso comprende, in un arco di tempo che va dall’inizio del Cinquecento al 1870, oltre 70.000 documenti legati, in successione cronologica, in volumi di grosso formato, e di cui circa 1.500 sono quelli che riguardano materie di competenza inquisitoriale. Sono in primo luogo da menzionare le bolle, le costituzioni e altri provvedimenti emanati dagli stessi pontefici su questioni dottrinali, in materia di dogmatica e di delitti concernenti, in senso anche lato, la fede.

L’intero fondo dei bandi relativi all’Inquisizione è stato digitalizzato ed è attualmente consultabile online.

URL: <http://www.casanatense.it/index.php/it/risorse-online.html>

Manifesti della Guerra civile spagnola: una collezione digitalizzata

Segnaliamo un bel progetto di digitalizzazione che rende accessibili in Rete 2.280 manifesti del periodo della guerra civile spagnola. Il progetto è a cura del Ministero della cultura del Governo spagnolo.

“El Centro Documental de la Memoria Histórica custodia una valiosa colección de carteles compuesta por un total de 2.280 piezas de diversa procedencia, una buena parte de las cuales son resultado de la incautación llevada a cabo por los organismos represores que actuaron durante el avance de las tropas rebeldes comandadas por el general Franco, y de manera especial por parte de la Delegación Nacional de Servicios Documentales (DNSD). Más de la mitad (1.280) forman parte de la Sección Político-Social creada por dicho organismo. El resto han ingresado en distintos momentos a partir de 1979.
Se trata de una colección de gran interés pues reúne un conjunto más que notable de carteles editados en su mayor parte durante la Guerra Civil Española (1936-1939), de los años que le precedieron y de los posteriores, es de un volumen considerable y contiene algunos ejemplares difíciles de hallar”.

URL: <http://pares.mcu.es/cartelesGC>

Poster della Prima e della Seconda guerra mondiale

La collezione digitale della University of North Texas (Rare Book & Texana Collections) include una raccolta di oltre 600 manifesti originali che risalgono alla Prima e alla Seconda guerra mondiale.

La raccolta di poster risalenti alla Grande Guerra comprende manifesti di propaganda affissi negli Stati Uniti e in Francia; la raccolta relativa alla Seconda guerra mondiale comprende solo manifesti affissi negli Stati Uniti.

Tutti i poster della collezione sono stati digitalizzati e sono disponibili in Rete gratuitamente. 

Poster della Prima guerra mondiale

Poster della Seconda guerra mondiale

URL: <http://digital.library.unt.edu/browse/department/rarebooks/wwpc/>

Leggi anche:

>>  Manifesti di propaganda nei Paesi Bassi occupati (1940-1945)

The Chairman Smiles: poster di propaganda politica

  URSS, Cuba, Cina: tre paesi dove la propaganda attraverso i poster ha giocato un importante ruolo politico. La mostra virtuale The Chairman Smiles offre al pubblico la riproduzione di 145 poster di propaganda politica (33 di provenienza sovietica, 33 provenienti da Cuba e 79 dalla Cina). 

Tutti i poster riprodotti appartengono alla collezione dell’Istituto internazionale di storia sociale di Amsterdam.  

URL: <http://www.iisg.nl/exhibitions/chairman/>

Manifesti e bandi nella Francia occupata

Il Comitato di storia della Seconda guerra mondiale nacque nel dicembre 1951 dalla fusione della Commissione di storia dell’occupazione e della liberazione della Francia (CHOLF-Commission d’histoire de l’occupation et de la libération de la France) e dal Comitato di storia della guerra, creati rispettivamente nell’ottobre 1944 e nel giugno 1945 per conservare la memoria degli anni 1939-1945. 

Il nuovo organismo, animato dallo storico Henri Michel, ebbe l’incarico di raccogliere testimonianze sulla Resistenza e sul periodo dell’occupazione, coordinando al tempo stesso dossier e pubblicazioni sulla Seconda guerra mondiale. Quando, nel 1980, il Comitato fu sciolto per essere sostituito dall’Istituto di storia del tempo presente (IHTP-Institut d’Histoire du Temps présent), tutto il materiale raccolto venne depositato presso l’Archivio nazionale (serie 72AJ).

Tra i risultati più interessanti del lavoro di quegli anni spicca una importante collezione di manifesti, comprendente un migliaio di pezzi che vanno dagli inizi degli anni Trenta al dopoguerra. Essa fornisce una preziosa testimonianza dei principali avvenimenti che sconvolsero la Francia in quel periodo.

Il materiale riguarda i seguenti momenti storici:

  • anteguerra (pacifismo, ascesa del nazismo, guerra di Spagna);
  • operazioni militari nel 1930-1940;
  • occupazione tedesca in Belgio, Olanda, Polonia;
  • occupazione tedesca in Francia e repressione;
  • Governo di Vichy, France libre, alleati, Resistenza interna;
  • Liberazione;
  • periodo posteriore alla Liberazione.

Si tratta di una raccolta di grande rilevanza storica, che comprende sia avvisi ufficiali (condanne, notifiche di espropriazioni, consegne militari e altri atti di autorità), sia materiale di propaganda (manifesti e volantini), spesso molto interessante dal punto di vista iconografico.

Gran parte dei documenti sono stati digitalizzati e sono oggi disponibili al pubblico.

URL: http://www.culture.gouv.fr/documentation/archim/affichescomitehistoire.htm

Banca dati sul manifesto politico e sociale contemporaneo

garibaldi

Manifestipolitici.it è un progetto promosso dall’Istituto Gramsci Emilia-Romagna con la realizzazione tecnica di Manifesta.

Il progetto nasce dalla necessità di rispondere alla domanda di consultazione e utilizzo di fonti iconografiche per lo studio della storia dal Novecento e, contemporaneamente, dall’urgenza di salvaguardare dal deperimento un materiale documentario spesso fragile e di difficile gestione. Testimone e protagonista della nostra storia, il manifesto rappresenta una risorsa stimolante per la ricerca nei più diversi ambiti: dalla storia della grafica a quella dell’editoria, dalla storia della propaganda e della comunicazione politica a quella dell’evoluzione dei costumi e dei comportamenti.

Ad oggi nel catalogo on line Manifestipolitici.it è possibile consultare la descrizione catalografica e le immagini (cliccando su “oggetto digitale”) di oltre 10.000 manifesti prodotti dai primi anni del ‘900 fino ai giorni nostri. La banca dati offre una vasta esemplificazione della produzione nazionale ed internazionale di comunicazione politica e sociale su carta: dai manifesti storici della propaganda elettorale alla libertà creativa dei movimenti di inizio millennio, dalla comunicazione degli enti locali alle testimonianze del Sud America e di molti paesi europei, dai lavori di alcuni dei maggiori studi grafici a livello internazionale alle autoproduzioni dei movimenti giovanili. La banca dati è ad accesso libero.

Nel sito è presentata anche una novità della banca dati, ossia la sezione dedicata alle fotografie, che mostrano il manifesto nel suo contesto reale, grazie a servizi fotografici realizzati in occasione di campagne elettorali, che lo riprendono per le strade di diverse città.

URL: <http://www.manifestipolitici.it/>

La raccolta dei bandi “Merlani” della Biblioteca dell’Archiginnasio

  La cosiddetta Raccolta Merlani è composta da oltre 75.000 pezzi fra bandi, leggi e decreti pubblicati a Bologna dal 1560 al 1869. Si tratta di un insieme omogeneo proveniente dalla Stamperia Camerale di Bologna, la tipografia che aveva la privativa per la stampa delle pubblicazioni ufficiali che rendevano note ai bolognesi i provvedimenti adottati dal governo cittadino e dal rappresentante locale del pontefice, il cardinale legato.

Fino a questo momento sono stati digitalizzati e indicizzati 22.580 bandi, per un complessivo di 28.215 immagini, che coprono il periodo dal gennaio 1601 al giugno 1796.

Attraverso la maschera di ricerca è possibile accedere alle schede complete dei bandi e alla relativa immagine digitalizzata.

Per la visualizzazione dei documenti digitalizzati è necessario installare il programma Djvu (scaricabile gratuitamente qui).

URL: <http://badigit.comune.bologna.it/bandi/index.html>