Archivi categoria: Bibliografie, banche dati bibliografiche

Storia dei Gesuiti: una bibliografia online

La risorsa Boston College Jesuit Bibliography: The New Sommervogel Online è una bibliografia online ad accesso gratuito dedicata agli studi sulla storia dei gesuiti. Indicizza libri, saggi pubblicati in monografie, articoli di rivista, tesi e dissertazioni che hanno per argomento la storia della Compagnia di Gesù, l’ordine fondato da Ignazio di Loyola nel 1540.

Le riviste sottoposte a spoglio solo più di 1300. Ogni record contiene i dati bibliografici del documento (comprensivi delle voci di soggetto)  oltre ad un  abstract e al link al catalogo Worldcat, qualora disponibili.

La bibliografia è ospitata sul server dell’editore Brill ed è liberamente accessibile.

Riprotiamo la presentazione del progetto pubblicata sul sito web del Boston College:

«The Boston College Jesuit Bibliography: The New Sommervogel is your first stop for research in the expanding field of Jesuit studies. A comprehensive and searchable online database, the New Sommervogel encompasses books, chapters, articles, reviews, dissertations, and other materials relating to the Jesuit order. These records are being compiled through a systematic search of over 1300 journals as well as WorldCat records and existing bibliographies. In addition to standard bibliographical data, each entry includes up to four detailed subject headings, along with abstracts and direct links to the materials or their WorldCat records whenever such resources are available. The database is produced by the Institute for Advanced Jesuit Studies in conjunction with Brill, which hosts and maintains the site. A global and growing network of correspondents assists with the collection of journal articles. Funding from Boston College ensures that the database will be an open-access resource.

The Boston College Jesuit Bibliography is the most recent incarnation of a long and distinctive tradition of Jesuit bibliography. St. Ignatius himself insisted that the order’s business be conducted through written correspondence, a large archive of which was carefully maintained by his secretary, Juan Alfonso de Polanco. The first bibliography appeared in 1608, less than a century after the Society was established, and received several subsequent updates. Following the suppression and restoration of the Jesuit order in the late 18th and early 19th centuries, the bibliographical thread was resurrected through the heroic efforts of several Jesuit scholars, chief among them the Alsatian priest Carlos Sommervogel. His project was expanded in the 20th century by the late László Polgár and subsequently continued by Paul Begheyn. The Boston College Jesuit Bibliography builds upon and will ultimately incorporate the work of all of its predecessors, using the new tools of the digital humanities to bring a venerable bibliographical tradition into the 21st century».

URL: <http://bibliographies.brillonline.com/browse/nso>

Inventari e cataloghi di biblioteche medievali

Sul sito Internet cuturale sono disponibili le riproduzioni digitalizzate di 386 pubblicazioni moderne contenenti inventari e cataloghi di biblioteche medievali di area italiana.

La collezione digitale è un complemento al progetto R.I.Ca.Bi.M. (Repertorio di Inventari e Cataloghi di Biblioteche Medievali), curato dalla Società Internazionale per lo Studio del Medioevo Latino (SISMEL).

«Obiettivo primario del Progetto di Ricerca R.I.Ca.Bi.M., avviato nel 1996 e costituitosi come redazione stabile a partire dal 2001, è la realizzazione di un repertorio di cataloghi, di inventari e di qualsiasi altra attestazione libraria presente in fonti archivistiche (come testamenti, donazioni, transazioni ed atti di varia natura) o in registri preposti a scopi precipui (note di prestito, note di spesa, note da obituari) contenenti riferimento immediato a manoscritti ed incunaboli, anticamente posseduti, o sotto forma di catalogo dettagliato o di semplice lista o di enumerazione sommaria degli stessi, purché antecedenti al 1520 e senza limiti geografici in seno all’Occidente latino» (dalla pagina di presentazione del progetto sul sito della SISMEL].

Il repertorio R.I.Ca.Bi.M. è disponibile in versione cartacea sul sito delle Edizioni del Galluzzo e consultabile online su Mirabile.

Per approfondire l’argomento si rimanda a questo articolo di recente pubblicazione:

Giovanni Fiesoli, Inventari al quadrato: il progetto R.I.Ca.Bi.M. Bilanci e questioni di metodo, Bibliothecae.it, vol. 5, no. 1 (2016), p. 17-54  (PDF scaricabile gratuitamente: <https://bibliothecae.unibo.it/article/view/6104>).

 

URL: <http://www.internetculturale.it/opencms/opencms/it/main/partner/istituto_37.html>

La Bibliografia Nazionale Italiana (BNI) diventa ad accesso gratuito

bni

A partire dal 30 maggio 2016, la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze rende disponibile sul proprio sito, in forma totalmente libera e gratuita la Bibliografia Nazionale Italiana (BNI).

I fascicoli in corso delle quattro serie (Monografie, Musica a stampa, Periodici, Tesi di dottorato)  sono pertanto consultabili e scaricabili in PDF sul sito BNCF.

Sono intanto disponibili le serie delle annate on line dal 2012 al 2014, a suo tempo in abbonamento, e tutti i fascicoli a partire dal 2015. La messa a disposizione  della cumulazione storica dei dati bibliografici dal 1958 è in fase di realizzazione.

Ciascuna serie è ricercabile in base all’annata e al fascicolo, ordinato e consultabile in base al numero di Classificazione decimale Dewey assegnato, con Indici per titoli, autori-persona, autori-ente, collezioni, soggetti e materie.

Per accedere al contenuto dei fascicoli, segurie le indicazioni sul sito dalla barra di menu in alto.  I singoli fascicoli sono scaricabili anche in PDF.

Sono inoltre state aggiornate le pagine del sito che presentano storia e caratteristiche attuali della Bibliografia Nazionale Italiana.

URL: <http://bni.bncf.firenze.sbn.it/bniweb/menu.jsp>

Le Guerre d’Italia (1494-1559): una bibliografia curata dalla BnF

La tregua di Nizza del 1538 tra Francesco I e Carlo V

La tregua di Nizza del 1538 tra Francesco I e Carlo V

La BnF – Bibliothèque nationale de France redige utili bibliografie tematiche basandosi sui documenti posseduti e catalogati dalla biblioteca.

Tra le bibliografie di Storia disponibili, segnaliamo quella dedicata alle Guerre in Italia (1495-1559).

Per un breve quadro introduttivo, riportiamo i primi paragrafi della voce Wikipedia Guerre d’Italia del XVI secolo:

«Le Guerre d’Italia o Grandi Guerre d’Italia furono una serie di otto conflitti, combattuti prevalentemente sul suolo italiano nella prima metà del secolo XVI (per la precisione durarono dal 1494 al 1559), aventi come obiettivo finale la supremazia in Europa.

Furono inizialmente scatenate da alcuni sovrani francesi, che inviarono nella penisola italiana le loro truppe, per far valere i loro diritti ereditari sul Regno di Napoli e poi sul Ducato di Milano. Da locali le guerre divennero in breve tempo di scala europea, coinvolgendo oltre alla Francia, soprattutto la Spagnae il Sacro Romano Impero.

Al termine delle guerre la Spagna si affermò come la principale potenza continentale, ponendo gran parte della penisola italiana sotto la sua dominazione diretta (Regno di Napoli, Ducato di Milano, Stato dei Presidi) o indiretta; gli unici stati italiani che seppero mantenere una certa autonomia furono ilDucato di Savoia (legato alla Francia) e la Repubblica di Venezia, mentre il Papato, pur autonomo, risultava perlopiù legato alla Spagna dalla comune politica di far prevalere in Europa la Controriforma cattolica».

>> Scarica la bibliografia  [file .pdf – 376 Kb – 22 pagine]

EthicsWeb: accesso integrato a banche dati sulla bioetica

garland_logo

EthicsWeb è un’iniziativa finanziata dalla Commissione Europea con l’obiettivo di fornire un accesso integrato alle varie banche dati normative e documentarie sui temi della bioetica per favorire lo scambio delle informazioni nei vai paesi dell’Unione.

>> vai alla maschera di ricerca

Dalla home page:

«ETHICSWEB strives to be the common European access point in regard to information on science and ethics with focus on European activities.

It is the overall aim of ETHICSWEB to stimulate an enhanced democratic debate on ethical issues of science and to promote a more engaged and informed public. Therefore, existing information and documentation systems will be connected to allow and ensure an easy access to comprehensive information on science and ethics. At the same time sophisticated tools, both technical and semantic, will be applied or – if necessary developed – to make the huge amount of information available for all parties involved. ETHICSWEB will be a common, decentralized European access point for information that is made available in different European member states, by various regional providers and centres as well as by international organizations.

ETHICSWEB strives for the documentation of different sources which include information on ethics and science like

  • literature;
  • laws, regulations and guidelines;
  • training materials and training programmes;
  • academic exchange programmes;
  • centres, projects and experts;
  • events and news (such as conferences, calls for papers and new initiatives)».

URL: <http://www.ethicsweb.eu/node/1>

Plotino: una bibliografia

Plotino

Segnaliamo una ricca bibliografia dedicata al filosofo Plotino, a cura dello studioso canadese Richard Dufour:

«In this bibliography we intend to continue our bibliographical research on Plotinus, started in Plotinus: A Bibliography 1950-2000, Leiden, Brill, 2002 (a revised version of “Plotinus: A Bibliography 1950-2000”, Phronesis (46, 3), 2001). From now on our work will be on the Internet and will be updated several times a year. We want thus to offer a comprehensive list of publications on Plotinus by gathering all we can find in the most important bibliographical indexes available.

This bibliography has been published, for the most part, in a revised version with full indices: DUFOUR, Richard, “Bibliographie Plotinienne: 2000-2009”, in Études platoniciennes VI, Paris, Belles Lettres, 2009, p. 295-365».

[versione in lingua francese qui]

URL: <http://rdufour.free.fr/BibPlotin/anglais/Biblio.html>

Database of Italian Academies: un database di testi pubblicati dalle Accademie italiane sorte tra il 1525 ed il 1700

Accademie

Accademie italiane è una banca dati bibliografica consultabile in rete che raccoglie testi a stampa conservati nei fondi e raccolte della British Library che ha per oggetto materiale stampato miscellaneo sulle Accademie italiane fiorite nelle città di Avellino, Bari, Benevento, Bologna, Brindisi, Caltanissetta, Catania, Catanzaro, Enna, L’Aquila, Lecce, Mantova, Napoli, Padova, Palermo, Roma, Salerno, Siena, Siracusa, Trapani e Venezia tra il 1525 ed il 1700.

La banca datipermette di effettuare ricerche riguardanti:

  • Accademie – nomi, attività, interessi disciplinari, locazione geografica, date, emblemi e motti;
  • Testi – titoli, autori, dettagli pubblicazione, illustrazioni, censori;
  • Persone – nomi, soprannomi di affiliazione accademica, ruolo svolto in accademia, date, nazionalità, motti, emblemi e ritratti.

Alcuni documenti contengono immagini digitalizzate di parti del testo catalogato.

Informazioni di carattere storico, critico e bibliografico sono contenute nello spazio ‘Note generali’ presente nella scheda descrittiva del singolo documento.

Per approfondire: http://www.bl.uk/catalogues/ItalianAcademies/About.aspx

 

URL: <http://www.bl.uk/catalogues/ItalianAcademies/>

FAMA – Banca dati sulla trasmissione manoscritta dei testi medievali

FAMA_logo

Segnaliamo un prezioso strumento online a cura dell’École nationale des chartes di Parigi.

Si tratta di una banca dati che permette di studiare la fortuna dei testi medievali attraverso la loro tradizione manoscritta, indicando per ciascun testo tramandato il numero di copie manoscritte che sono attestate nelle fonti bibliografiche.

La banca data, utilissima per gli studiosi di storia e filosofia medievale, si chiama FAMA – Œuvres latines médiévales à succès e contiene al momento 1205 schede relative ad altrettanti testi medievali, per un totale di 12.534 manuscritti censiti.

Riportiamo la presentazione in lingua inglese del progetto, dalla home page del sito (l’originale in francese qui):

The number of manuscript copies that circulated is one of the criteria for gauging the impact of a medieval text. Above a certain number, it provides a relevant basis for evaluating the reception of texts in a particular domain and gives some idea of the audience reached by the work.

FAMA compiles information on the number of surviving witnesses of the most widely read medieval texts in Latin. These data are arranged according to genre, date of composition, and number of copies of each work, as well as by country of origin, date of copy, and former provenances of manuscripts. FAMA provides a point of reference for current studies allowing a global approach to cultural phenomena.

FAMA takes special care to indicate critical editions and studies on the diffusion of a work, where the geographic and chronological distribution has been established, thus reflecting the evolution of its readership and conditions of transmission (geographical, institutional, cultural milieus), and possibly its later disaffection.

FAMA currently contains 1205 entries for texts and 12534 manuscripts.

La ricerca può essere condotta per parole chiave (>> vai alla maschera di ricerca avanzata) oppure per scorrimento liste: è disponibile un elenco alfabetico degli autori e delle opere (>> vai alla lista) e un elenco dei manoscritti censiti (>> vai alla lista).

 

URL: <http://fama.irht.cnrs.fr/fr/>

Bibliografia su Roland Barthes in occasione del centenario della nascita

roland_barthes

In occasione dei cento anni dalla nascita di Roland Barthes (Cherbourg 1915 – Parigi 1980), la Bibliothèque nationale de France ha redatto una bibliografia (>> file .PDF scaricabile online) dedicata all’intellettuale francese.

Figura fondamentale nel panorama culturale francese del dopoguerra, le teorie sul linguaggio e la significazione di Barthes non solo sono state un costante punto di riferimento per la semiologia ma hanno rappresentato un importante contributo all’affermarsi della nouvelle critique, che, in contrapposizione alla tradizione accademica, vedeva nel testo produttore di segni – e non solo nell’autore – il luogo privilegiato dell’analisi letteraria (>> vai alla voce dell’Eniciclopedia Treccani online).

 

URL: <http://www.bnf.fr/documents/biblio_barthes.pdf>

La Francia di Francesco I: due bibliografie tematiche e una mostra virtuale a cura della BnF

Francesco I

Francesco I fu re di Francia dal 1515 al 1547. Spregiudicato in politica estera e assoluto protagonista, insieme a Carlo V, delle vicende europee del XVI secolo, affrontò con durezza i conflitti scatenati dalla Riforma, operò una costante opera di rafforzamento dell’autorità regia sul corpo sociale, promosse il mecenatismo nelle arti e vide fiorire, sotto il suo regno, la più alta espressione del Rinascimento francese.

La Bibliothèque nationale de France propone due bibliografie dedicate a Francesco I e al Rinascimento francese più una mostra virtuale.

>> La Renaissance : L’art au XVIe siècle en France – Bibliographie [>> scarica il file .pdf – 318 K – 27 p.]

>> François Ier (1494-1515-1547), un prince fastueux de la Renaissance – Bibliographie [>> scarica il file .pdf – 208 K – 16 p.]

>> Mostra virtuale: François Ier, pouvoir et image

Anton Bruckner online

Bruckner

La Österreichische Akademie der Wissenschaften (Institut für kunst- und musikhistorische Forschungen) ha lanciato a fine marzo un bellissimo archivio digitale dedicato all’opera del compositore austriaco Anton Bruckner.

Il progetto è stato realizzato su iniziativa del musicista e musicologo Robert Klug Eder.

Bruckner-online è l’unica piattaforma al mondo che fornisce accesso a tutte le opere di Bruckner e contiene la copia digitalizzata di tutte le edizioni a stampa e di tutte le pagine manoscritte disponibili.

L’archivio web attualmente contiene circa 27.000 immagini a colori di autografi e prime trascrizioni, 6.000 immagini di prime edizioni o edizioni di pregio, una bibliografia dedicata a Bruckner, il catalogo delle opere curato da Renate Grasberger e altro ancora. Le immagini digitalizzate sono di alta qualità, facili da consultare e associate a metadati che soddisfano i criteri scientifici correnti.

Il sito è in lingua tedesca.

URL: <http://www.bruckner-online.at/>

[via Archivalia]

Bibliografie / Il confine orientale italiano

confine

Il confine orientale italiano è stato oggetto di perduranti e sanguinosi conflitti politici e militari a causa del crocevia identitario, culturale e nazionalistico che questo confine ha attraversato in tutti i suoi spostamenti, dalla crisi dell’Impero austroungarico al secondo dopoguerra.

Segnaliamo alcune utili bibliografie sul tema:

Bibliografia a cura dell’Istituto storico grossetano della Resistenza e dell’età contemporanea
<http://www.isgrec.it/dossier_confine_orientale/materiali/bibliografia_confine_orientale.pdf>

Bibliografia a cura dell’Istituto per la storia e le memorie del ‘900 ‘Ferruccio Parri’
<http://www.istitutoparri.eu/files/bibliografia_confine_orientale.pdf>

Bibliografia a cura dell’Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione in Friuli-Venezia Giulia
<http://www.irsml.eu/images/giornoricordo/Bibliografia%20confine%20orientale.pdf>

RAMBI: Bibliografia di studi ebraici

rambi-logo

RAMBI – Repertorio bibliografico di studi ebraici è un progetto nato nel 1966 su iniziativa di Issachar Joel. Si tratta di una bibliografia di articoli accademici su temi inerenti l’ebraismo e la storia dello stato di Israele.

RAMBI si basa essenzialmente sulle collezioni della Biblioteca nazionale di Israele. Sono indicizzate migliaia di riviste a stampa o in fomato digitale e anche articoli inviati alla biblioteca da singoli ricercatori.

La banca dati contiene articoli in alfabeto latino, ebraico e cirillico. Alla fine del 2013 i record registrati erano più di 350.000.

«RAMBI – The Index of Articles on Jewish Studies was founded by Dr. Issachar Joel in 1966. It is a selective bibliography of academic articles covering all of the fields of Jewish studies as well as the study of Eretz Israel and the State of Israel.

RAMBI is based largely on the collections of the National Library. The articles listed in RAMBI are collected from thousands of journals, in print or electronic, from collections of articles and from offprints sent by researchers.

RAMBI refers to articles in Hebrew, Latin or Cyrillic letters. The database is updated on a daily basis. By the end of 2013 RAMBI included about 350,000 records, from about 21,000 different sources.

Rambi appeared in print from 1966 until 2000, volumes 1–50. The project for the conversion of the printed books (volume 1-28) to the online format was made possible by a contribution of the Littauer Foundation. Once the material was made available online, the print edition was discontinued.

A Rambi record includes – in its abbreviated form: author, title, bibliographic information and access to the full text. For further information please open the full record. Search options are: Subject, Author, Title, Source or keywords from any of these fields».

URL: <http://www.eurojewishstudies.org/redirect.php?url=http://jnul.huji.ac.il/rambi/>

I Governi italiani da Cavour a Rumor (1861-1970)

Capi di governo

La base dati I Governi italiani da Cavour a Rumor (1861-1970), frutto di un lungo e puntuale lavoro di verifica sulla scorta della documentazione archivistica dell’Archivio Centrale dello Stato, riguardano le 91 compagini governative che si sono succedute dall’Unità al secondo Governo Rumor: i loro ministeri, sottosegretariati, segretariati generali, alti commissariati; le personalità che li guidarono, con le relative schede biografiche in cui sono riportati i dati anagrafici e e notizie dell’attività parlamentare e istituzionale, integrabili con quelle, linkate, di dati.camera.it (legislatura, collegio di appartenenza, data di elezione o, per il Senato del Regno, dati sulla nomina e categoria di appartenenza).

Essa viene pubblicata con un sistema di consultazione “a faccette” nella piattaforma di linked open data dati.acs.beniculturali.it per condividere informazioni e dati con applicazioni similari.

Per saperne di più sui linked open data:  <http://www.linkedopendata.it/>

 

URL: <http://dati.acs.beniculturali.it/governi/>

Banche dati Gonzaga

Barbara Gonzaga (Andrea Mantegna, Camera degli Sposi, Mantova)

Barbara Gonzaga (Andrea Mantegna, Camera degli Sposi, Mantova)

«Banche Dati Gonzaga è un portale realizzato dal Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te, in collaborazione con l’Archivio di Stato di Mantova e la Scuola Normale Superiore di Pisa, con il sostegno di Comune di Mantova e di Fondazione Cariverona.

Esso presenta diverse fonti documentarie provenienti principalmente dall’Archivio Gonzaga – ancora oggi non del tutto esplorato – per la conoscenza della storia di Mantova e della famiglia che per quasi quattro secoli l’ha governata (1328-1707).

Le informazioni sono prevalentemente relative alla storia dell’arte, al collezionismo, e al mecenatismo della corte.

L’iniziativa è accompagnata da un progetto di ricerca che prevede varie fasi di sviluppo:

  • l’immissione e la consultazione on line di banche dati già esistenti e la loro implementazione;
  • la creazione di nuove banche dati;
  • il collegamento a banche dati analoghe già esistenti su altri siti.

Al momento sono disponibili:

 

URL: <http://banchedatigonzaga.centropalazzote.it/>