Archivi autore: Elena Franchini

Informazioni su Elena Franchini

Bibliotecaria presso il Sistema Bibliotecario di Ateneo dell'Università di Pisa

Archivi e raccolte fotografiche in Italia: il MiBACT avvia un censimento

Archivio storico del Gruppo Intesa Sanpaolo, Publifoto, anni ‘50

Dal 20 maggio 2017 è liberamente consultabile online la piattaforma del Censimento delle raccolte e degli archivi fotografici in Italia: una mappatura in rete, partecipata e condivisa, del patrimonio fotografico italiano di enti pubblici e privati. Il progetto, promosso dal Mibact in collaborazione con CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia, ha l’ambizione di riuscire a censire, per la prima volta, l’intero patrimonio fotografico italiano di enti pubblici e privati.

Dalla pagina di presentazione del progetto:

Il Censimento delle raccolte e degli archivi fotografici in Italia si prefigge lo scopo di identificare, in modo partecipativo, i soggetti che a vario titolo detengono raccolte o archivi fotografici, riportando informazioni sulla tipologia, sulla consistenza e sulle caratteristiche dei materiali fotografici conservati; la conoscenza sistematica di questo rilevante settore del patrimonio culturale costituirà l’elemento cardine su cui impostare le politiche per la sua tutela e valorizzazione.

Finora gli enti censiti, presenti sul portale, sono 117 per un un totale di 124 raccolte/archivi e 635 fondi fotografici (fonte: articolo pubblicato su Art Tribune nel giugno 2017), ma i numeri sono destinati a crescere perché si tratta di un progetto partecipativo a cui tutti i conservatori di raccolte e archivi fotografici sono invitati a collaborare attivamente.

Segnaliamo inoltre la sezione dedicata alla Bibliografia e alle Risorse online, dove è possibile trovare, regione per regione, le istituzioni pubbliche o private che espongono online archivi, raccolte o collezioni fotografiche.

URL: <www.censimento.fotografia.italia.it>

Fonti per la storia della Toscana / 11: Archivio storico degli artisti lucchesi

L’Archivio storico degli artisti lucchesi contiene schede dettagliate dedicate agli artisti (pittori, scultori, incisori, decoratori) che hanno vissuto e/o operato a Lucca.

Le schede contengono, per ciascun artista, le principali notizie biografiche, l’elenco delle esposizioni personali e collettive alle quali ha partecipato, la bibliografia di riferimento. Sono presenti anche schede analitiche relative alle singole opere (talvolta accompagnate da una riproduzione in b/n o a colori).

Qui riportiamo un esempio di voce: Giorgio Kienerk

Il progetto è a cura della Fondazione Ragghianti. Il Centro Studi sull’arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti nasce nel 1981 dalla donazione dei coniugi Ragghianti alla Cassa di Risparmio di Lucca della loro biblioteca, della fototeca e del loro archivio. Lo scopo primario della Fondazione è di offrire alla città e al comprensorio della Toscana nord occidentale, oltre a qualunque interessato, uno strumento di studio dell’arte, nella storia e nel presente.

URL: <http://artistilucchesi.fondazioneragghianti.it/>

Il portale del cinema muto italiano

Il Portale del cinema muto italiano è un progetto del Centro sperimentale di cinematografia, realizzato in versione beta con il sostegno del MiBACT – Direzione generale cinema. Esso nasce per dare visibilità e accesso al patrimonio del cinema muto italiano recuperato negli anni  grazie all’impegno delle istituzioni e alla tenacia degli studiosi.

Il portale si propone come punto di accesso per la ricerca sui documenti storici (film, foto, manifesti, documenti cartacei, riviste d’epoca) e per approfondimenti di ricerca (studi storici, critici e filmografici).

Il portale si articola in più sezioni. In particolare segnaliamo:

  • Indice dei film: contiene i titoli delle opere consultabili; è navigabile e ordinabile in senso alfabetico, cronologico, per regista o per casa di produzione. Per ogni titolo è prevista, con inserimento in progress, una scheda filmografica corredata da un breve approfondimento storico-critico e da una descrizione dei materiali associati tramite i diversi link (video, immagini, documenti);
  • Percorsi: si offre al lettore l’opportunità di confrontarsi con i momenti fondamentali e con le tematiche più originali del cinema muto italiano, alla luce dello stato attuale delle conoscenze e della ricerca;
  • Riviste e monografie: elenco in progress delle riviste italiane del muto (1907-1929) e una significativa selezione di monografie d’epoca, entrambe con la relativa reperibilità. Per il momento sono state censite e incluse le riviste conservate dalla Biblioteca L. Chiarini del Centro Sperimentale di Cinematografia (>> leggi questo post) e dalla Biblioteca M. Gromo del Museo del Cinema di Torino, ma il progetto prevede l’estensione alle principali realtà, in particolare alle riviste della Biblioteca Nazionale di Firenze. E’ in programma anche l’attivazione dei link alle copie digitalizzate già pubblicate nel web;
  • Bibliografia: un’ampia selezione, organizzata per aree tematiche, di repertori, filmografie, volumi, studi su rivista, con una particolare attenzione ai testi pubblicati negli ultimi vent’anni.

Realizzato con risorse interne al CSC – Cineteca nazionale, si avvale della consulenza scientifica di Luca Mazzei (Università di Roma – Tor Vergata) e di Silvio Alovisio (Università di Torino).

URL: <http://www.ilcinemamuto.it/betatest/>

Strumenti di lavoro: Repertori di filigrane online

Nello studio dei manoscritti e degli antichi testi a stampa, la filigrana è il marchio di fabbrica della cartiera che ha prodotto un determinato foglio di carta. Essa rappresenta un riferimento importante per la datazione e la localizzazione della carta e quindi per la ricostruzione della storia dei codici manoscritti o a stampa. Lo studio di questi marchi è il campo di competenza di una scienza ausiliaria alla filologia, denominata “filigranologia”.

Esistono importanti repertori e banche dati che indicizzano decine di migliaia di filigrane. Elenchiamo in questo post alcune degli strumenti più utili consultabili gratuitamente in Rete.

Repertori storici:

Charles-Moïse BriquetLes filigranes: dictionnaire historique des marques du papier dès leur apparition vers 1282 jusqu’en 1600  (1. ed. 1907). Briquet ha personalmente raccolto più di 40.000 disegni di filigrane, di questi 16.122 sono riprodotti ed illustrati nelle diverse edizioni del suo dizionario. I disegni, veri e propri ricalchi, sono realizzati a matita su carta da lucido (ancor oggi, a questo scopo, il procedimento più rapido ed efficace) e sono catalogati numericamente e classificati a seconda delle figure o del motivo rappresentato. Accesso alla versione online: <http://www.ksbm.oeaw.ac.at/_scripts/php/BR.php?refnr=15254&lang=fr>

Gerhard Piccard, Die Wasserzeichenkartei im Hauptstaatsarchiv Stuttgart  (Stuttgart, 1961-1997: 17 vol.). L’imponente repertorio di Piccard comprende circa 92.000 disegni di filigrane.
In Rete sono disponibili due versioni:
– riproduzione dei singoli volumi (incompleto, mancano i vol. 1-2): <http://www.ksbm.oeaw.ac.at/_scripts/php/PPO.php>
– banca dati ricercabile, uno strumento moderno ed efficace (Piccard online): <https://www.piccard-online.de/start.php>

Banche dati più recenti:

The Gravell Watermark Archive: la collezione di Thomas Gravell, comprendente più di 7.000 filigrane prodotte tra il 1400 e il 1835. Accesso alla banca dati: <http://www.gravell.org>

Filigrane del Medioevo/ Wasserzeichen des Mittelalters: progetto a cura dell’Österreichischen Akademie der Wissenschaften (accademia austriaca delle scienze) – Istituto di studi medievali,  Divisione di codicologia e paleografia. Accesso alla banca dati (si può selezionare anche il menu in lingua italiana): <http://www.wzma.at/>

WZIS -Wasserzeichen-Informationssystem: banca dati a cura del Centro di ricerca tedesco sul libro manoscritto (DFG-Handschriftenzentren): indicizza 130.000 diverse filigrane. Accesso alla banca dati: <https://www.wasserzeichen-online.de/wzis/index.php>

WILC – Watermarks in Incunabula printed in the Low Countries: repertorio delle filigrane di  incunaboli stampati nei Paesi Bassi, a cura della Biblioteca nazionale olandese. Contiene circa 16.000 filigrane. Accesso alla banca dati: <http://watermark.kb.nl/default/search/advanced/>

Bernstein – The Memory of Paper: catalogo con più di 200.000 record che indicizzano filigrane europee realizzate nel Medioevo e nella prima Età moderna, provenienti da libri, documenti d’archivio, stampe, ecc. Nel catalogo le filigrane si possono ricercare attraverso parole chiave, le caratteristiche della carta o una classificazione di tipo visuale.
Accesso al catalogo: <http://www.memoryofpaper.eu/BernsteinPortal/appl_start.disp>

Il portale Bernstein contiene molte altre utilissime risorse relative alla storia della carta: per approfondire rimandiamo a questo nostro post.

Infine, per un’introduzione generale al mondo delle filigrane consigliamo una visita al Museo della carta e della filigrana di Fabriano.

Fonti per la storia della Toscana / 10: Guida generale dell’Archivio storico del Comune di San Miniato

Nella collana «Strumenti» della Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi è disponibile il volume:

Guida generale dell’Archivio storico / Comune di San Miniato ; a cura di Luigina Carratori … [et. al.]. – Roma : Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni archivistici, 1992. – (Pubblicazioni degli archivi di Stato. Quaderni della Rassegna degli archivi di Stato ; 68). –  ISBN: 88-7125-061-3.

Dalla Premessa di Roberto Cerri:

«La Guida generale dei fondi archivistici conservati presso l’Archivio storico del Comune di San Miniato (Pisa) presenta l’elenco, diviso in tre parti (archivio preunitario, archivio postunitario e archivi aggregati), di tutti i fondi e le serie che si trovano nel deposito archivistico comunale e che sono consultabili dal pubblico.

La Guida è articolata in tre sezioni principali che corrispondono alle tre grandi divisioni del deposito archivistico sanminiatese: l’archivio preunitario, quello postunitarioe e gli archivi
aggregati. Ogni sezione prevede una introduzione che traccia la storia complessiva dei fondi conservati in quella parte del deposito. Quindi ogni fondo è corredato da una introduzione storica che fornisce informazioni sul soggetto (si tratti di persona o di ente collettivo) che ha creato il fondo e sullo stato di conservazione della documentazione.
Infine le serie principali sono seguite da una nota esplicativa che ne illustra sia il contenuto che le caratteristiche principali. La parte descrittiva formalizzata fornisce inoltre il numero delle unità fisiche che costituiscono la serie, l’estensione cronologica delle serie medesime, il condizionamento delle unità (buste, filze e registri), nonché eventuali gravi lacune presenti nella documentazione.
La  Guida è corredata infine dall’indice alfabetico dei nomi propri e dei  luoghi».

>> Per accedere al volume clicca qui

Art Discovery: un catalogo per le ricerche in Storia dell’Arte

Art Discovery Group Catalogue (ADGC), lanciato nel maggio 2014, è un catalogo unico che offre possibilità di ricerca nell’ambito artistico all’interno dell’ambiente OCLC WorldCat. Comprende una selezione di cataloghi di importanti biblioteche ed istituti d’arte ricercabili insieme a contenuti provenienti da altre fonti.
Il catalogo è coordinato dal comitato artlibraries.net e tutto il progetto si è sviluppato nel contesto dell’iniziativa Future of art bibliography grazie al supporto della Samuel H. Kress Foundation e del Getty Research Institute, che hanno dato un contributo finanziario.

Il catalogo attualmente comprende il posseduto di oltre 60 biblioteche d’arte (tra biblioteche singole e consorziate) in Europa, Nord America, Asia ed Australia ed è in continua espansione con l’arrivo di nuovi membri. In Italia è attiva la partecipazione di IRIS Associazione di biblioteche, alla quale afferiscono importanti istituti tra cui gli Uffizi, l’Istituto di studi sul Rinascimento, la Fondazione Longhi, Villa I Tatti, l’Opificio delle pietre dure.

Il vantaggio del catalogo ADGC è la possibilità di visualizzare i dati aggregati provenienti da tutte le biblioteche partecipanti, oltre a collezioni ad accesso aperto, portali e repositories accessibili tramite OCLC ed il suo WorldCat Central Index.
Grande valore aggiunto è dato dai dati provenienti da importanti database bibliografici (ad es. le notizie indicizzate in Kubikat). In un prossimo futuro verrà inglobata anche l’importantissima mole di dati della storica Bibliography of the History of Art (BHA) (>> per saperne di più rimandiamo alla lettura di questo nostro post).

Documenti di approfondimento sono segnalati sul sito di IFNET, al quale rimandiamo per ulteriori informazioni.

Launched in May 2014, the Art Discovery Group Catalogue (ADGC) offers an art-focused research experience within the OCLC WorldCat environment. Researchers may search within this specialized subset of Worldcat data to hone in on a vast trove of art-historical literature held in an ever-increasing number of the world’s finest art libraries.  These art library records are searchable alongside additional content from a multitude of sources in the large metadata pool derived from thousands of commercial and freely-accessible collections, portals and repositories provided by OCLC as the WorldCat Central Index.

Thanks to the development of the Art Discovery Group Catalogue, bibliographic records from a number of art libraries previously not in OCLC are now openly discoverable in the ADGC as well as in the general Worldcat, offering information about more of the world’s art-related publications to researchers while providing greater visibility for the art libraries worldwide.  In addition, unique and important art-historical citation resources such as kubikat are now integrated within the ADGC, with others to follow, including the legacy files of the Bibliography of the History of Art (BHA).

Future plans for this growing art-historical research tool are to identify and prioritize–with the engagement of the ADGC community–other art-related databases, journals, etc. requiring group subscriptions in order to be discoverable in the ADGC. Work on refining and enhancing the user experience within the ADGC is another high priority for the committee that will informed by the community.  Another priority is to work with OCLC on the potential integration of more materials outside of traditional bibliographic boundaries, such as archives, images, and born-digital material.

The goal of this accumulation was to virtually create a comprehensive aggregator of bibliographic data for distinct bibliographic searches. In 2012, there were around 12 million records in the virtual data pool, referring not only to books but also to hundreds of thousands of journal articles, reviews, auction catalogues, and special collections.

URL: <http://artdiscovery.net/>

Biblioteca digitale delle Nazioni Unite

Biblioteca digitale delle Nazioni Unite

Frutto della collaborazione tra la Biblioteca delle Nazioni Unite Dag Hammarskjöld e la Biblioteca dell’Ufficio delle Nazioni Unite di Ginevra, la nuova Biblioteca digitale delle Nazioni Unite, inaugurata nel giugno 2017, dà accesso a tutta la documentazione prodotta dall’ONU.

A result of the successful collaboration between the UN Dag Hammarskjöld Library and the United Nations Office at Geneva Library, the platform provides access to UN-produced materials in digital format free of charge. It is built on open source technology developed by the European Organization for Nuclear Research (CERN) and encompasses administration and open source metrics. The system incorporates content presented in various “stand-alone databases” such as the UN Bibliographic Information System (UNBISNET) and the UN Official Document System (ODS) – almost 900,000 records and counting. It provides one global point of access to UN information – current and historical. Enhancements will be rolled out on a regular basis. Starting June 2017, we will begin phase 2 of the system’s development and will extend an invitation to to other UN Libraries to join us and use the platform.

What can I find in the United Nations Digital Library now?
– UN documents and open access publications
– UN voting data and speeches
– UN maps
– UN content freely available around the world
– Content in 6+ languages

Un video promozionale della biblioteca digitale è disponibile su YouTube.

URL: <https://digitallibrary.un.org/>

Manifesti pubblicitari di inizio Novecento: la Collezione Salce

Il 26 maggio 2017 è stato inaugurato a Treviso il Museo Statale Collezione Salce.

Il museo custodisce l’importante collezione appartenuta a Nando Salce e alla moglie Regina Gregory, lasciata in eredità allo Stato nel 1962. Con i suoi 24.580 documenti, si tratta della più importante raccolta italiana di manifesti e può essere annoverata tra le più insigni anche a livello europeo.

“Una collezione nata nel 1895, quando il giovanissimo Nando Salce acquistò per una lira il manifesto Incandescenza a Gas Auer disegnato da Giovanni Maria Mataloni. Nacque così una passione che il collezionista trevigiano condivise non solo con la moglie, ma anche con i massimi esperti del settore, tra cui editori e tipografi specializzati (Ricordi a Milano, Alessandro Marzi e Salomone a Roma, Chappuis a Bologna, Cassan a Tolosa, Hirth Verlag e Bruckmann a Monaco di Baviera), ditte e aziende committenti, cartellonisti e gallerie specializzate, come la Sagot di Parigi con cui Salce instaurò costanti scambi. Aspetto qualificante del nuovo museo appare l’obiettivo non solo di conservare e valorizzare un patrimonio raro e preziosissimo, ma anche di implementarlo con nuove acquisizioni, allo scopo di configurarlo in futuro come museo nazionale italiano della pubblicità e del manifesto pubblicitario” (dall’articolo di Elena Franzoia pubblicato su Il Giornale dell’arte, numero 376, giugno 2017, pag. 22).

L’intera collezione è stata digitalizzata ed è consultabile gratuitamente online.

Con quantità rilevanti di cartelloni sono presenti, in ordine di consistenza, artisti quali Dudovich, Mauzan, Boccasile, Cappiello, Codognato, Metlicovitz, Lenhart; ben rappresentati sono anche Cambellotti, Laskoff, Mataloni, Savignac, Terzi, Hohenstein, Seneca, Sepo, Villa; non mancano prove di artisti quali Boccioni, De Chirico, Depero, Casorati, Sironi, Fontana, Alberto Martini e Arturo Martini. Alcuni manifesti sono presenti in più copie, anche di diversa dimensione, o varianti; moltissime anche le locandine cartonate di piccola dimensione.

URL: <www.collezionesalce.beniculturali.it>

Philosophica: enciclopedia filosófica online

Philosophica: Enciclopedia filosófica on line  è un progetto in lingua spagnola a cura della Pontificia Università della Santa Croce di Roma.

Ispirata alla famosa Stanford Encyclopedia of Philosophy (SEP), questa enciclopedia in divenire si propone come strumento di primo riferimento per gli studenti e gli appassionati di filosofia. Le voci, di taglio divulgativo ma sufficientemente approfondite, contengono sempre una bibliografia che può essere presa come unrtile punto di partenza per approfondire lo studio dei principali argomenti attinenti alle discipline filosofiche.

Promovido por profesores de la Facultad de Filosofía de la Universidad Pontificia de la Santa Cruz (Roma, Italia), el portal «Philosophica: Enciclopedia filosófica on line», tiene como aspiración ser un punto de referencia académica de lengua española, ofreciendo on line a estudiosos de la Filosofía, y, en general a cualquier persona interesada, una fuente fiable de información sobre el status quaestionis de los distintos temas y argumentos que componen esta amplia rama del saber. Nuestra intención es que sus voces reúnan las características de las obras enciclopédicas de calidad, es decir: informar del modo más completo, objetivo, claro, exacto y conciso posible sobre un tema concreto, pero sin caer en la erudición. Además, cada una de ellas tiene que ser un buen punto de partida para todo el que quiera profundizar en los argumentos desarrollados, si la exposición no hubiera sido suficiente para sus necesidades.

URL: <http://www.philosophica.info/>

EHNE: Encyclopédie pour une Histoire Nouvelle de l’Europe

EHNE – Encyclopédie pour une histoire nouvelle de l’Europe è un’enciclopedia tematica bilingue (francese e inglese) che propone un approccio trasversale e globale alla storia europea. Si rivolge a un vasto pubblico: insegnanti e studenti della scuola superiore, comunità scientifica universitaria, studiosi, giornalisti o semplici curiosi che desiderano approfondire alcuni temi. Offre chiavi di lettura del presente attraverso l’analisi del passato. L’enciclopedia è a cura del LabEx EHNE.

L’Encyclopédie pour une histoire nouvelle de l’Europe est thématique, bilingue (français et anglais) et propose des approches transversales et globales de l’histoire européenne. Le but est de s’adresser à un public large : enseignants du secondaire et du supérieur, communauté scientifique universitaire, étudiants, milieu politique, journalistes ou mêmes toutes personnes souhaitant la consulter. Sans négliger aucune période de l’histoire et dans la perspective que le LabEx s’est fixé d’expliquer la crise européenne d’aujourd’hui, elle essaie de donner à ses lecteurs des clés historiques de compréhension du présent.

Per una presentazione più dettagliata del progetto si rimanda a un post pubblicato sul blog accademico ApprenHIST – Le carnet des apprentis archivistes et historien-ne de l’Université de Lille.

 

URL: <http://www.ehne.fr/>  [versione in lingua inglese: <http://www.ehne.fr/en>]

Storia dei Gesuiti: una bibliografia online

La risorsa Boston College Jesuit Bibliography: The New Sommervogel Online è una bibliografia online ad accesso gratuito dedicata agli studi sulla storia dei gesuiti. Indicizza libri, saggi pubblicati in monografie, articoli di rivista, tesi e dissertazioni che hanno per argomento la storia della Compagnia di Gesù, l’ordine fondato da Ignazio di Loyola nel 1540.

Le riviste sottoposte a spoglio solo più di 1300. Ogni record contiene i dati bibliografici del documento (comprensivi delle voci di soggetto)  oltre ad un  abstract e al link al catalogo Worldcat, qualora disponibili.

La bibliografia è ospitata sul server dell’editore Brill ed è liberamente accessibile.

Riprotiamo la presentazione del progetto pubblicata sul sito web del Boston College:

«The Boston College Jesuit Bibliography: The New Sommervogel is your first stop for research in the expanding field of Jesuit studies. A comprehensive and searchable online database, the New Sommervogel encompasses books, chapters, articles, reviews, dissertations, and other materials relating to the Jesuit order. These records are being compiled through a systematic search of over 1300 journals as well as WorldCat records and existing bibliographies. In addition to standard bibliographical data, each entry includes up to four detailed subject headings, along with abstracts and direct links to the materials or their WorldCat records whenever such resources are available. The database is produced by the Institute for Advanced Jesuit Studies in conjunction with Brill, which hosts and maintains the site. A global and growing network of correspondents assists with the collection of journal articles. Funding from Boston College ensures that the database will be an open-access resource.

The Boston College Jesuit Bibliography is the most recent incarnation of a long and distinctive tradition of Jesuit bibliography. St. Ignatius himself insisted that the order’s business be conducted through written correspondence, a large archive of which was carefully maintained by his secretary, Juan Alfonso de Polanco. The first bibliography appeared in 1608, less than a century after the Society was established, and received several subsequent updates. Following the suppression and restoration of the Jesuit order in the late 18th and early 19th centuries, the bibliographical thread was resurrected through the heroic efforts of several Jesuit scholars, chief among them the Alsatian priest Carlos Sommervogel. His project was expanded in the 20th century by the late László Polgár and subsequently continued by Paul Begheyn. The Boston College Jesuit Bibliography builds upon and will ultimately incorporate the work of all of its predecessors, using the new tools of the digital humanities to bring a venerable bibliographical tradition into the 21st century».

URL: <http://bibliographies.brillonline.com/browse/nso>

Punch: la più famosa rivista di satira inglese è stata digitalizzata

Punch è forse la più famosa rivista satirica inglese. Pubblicata con periodicità settimanale dal 1841 al 1992, e poi dal 1996 al 2002, ebbe fra i suoi collaboratori molti celebri scrittori e illustratori del XIX e XX secolo.

La rivista Punch fu fondata il 17 luglio 1841 da Henry Mayhew e dall’incisore Ebenezer Landells. Fu inizialmente curata da Mayhew (che avrebbe poi abbandonato quattro anni dopo) e da Mark Lemon. Il nome “Punch” faceva senza dubbio riferimento alla maschera omonima del teatro dei burattini di Punch e Judy (una versione clownesca, ma anche malvagia, del Pulcinella della commedia dell’arte italiana); tuttavia, nascondeva anche un gioco di parole sulla bevanda omonima: punch is nothing without lemon, ovvero “il punch non è niente senza limone” (ossia: “senza (Mark) Lemon”!).

In omaggio alla famosa rivista francese Le Charivari, fino al 1844 la rivista venne pubblicata con un sottotitolo Punch, or The London Charivari.

La rivista Punch divenne ben presto molto popolare nei salotti inglesi e ancora oggi rappresenta una fonte primaria importante per la storia del costume e della satira politica in Gran Bretagna.

L’Università di Heidelberg ha digitalizzato le annate complete dal 1841 al 1925 nell’ambito di un bellissimo progetto di digitalizzazione di più ampio respiro che riguarda la valorizzazione di riviste satiriche e d’arte dell’Ottocento e dei primi decenni del Novecento (per approfondimenti si rimanda alla lettura di questo post del nostro blog).

Le annate di Punch che vanno dal 1841 al 1925 sono liberamente consultabili online, mentre le annate successive, per ragioni di copyright, sono consultabili solo offline sulle postazioni informatiche che si trovano all’interno della sala di lettura della biblioteca dell’Università di Heidelbeg.

Il primo numero di Punch venne pubblicato il 17 luglio 1841.

Nel corso delle sua lunga e fortunata storia editoriale, la rivista Punch poté annoverare tra i propri collaboratori molti caricaturisti e scrittori famori. Tra i disegnatori più importanti ricordiamo John Leech, Linley Sambourne, Charles Keene, Leonard Raven-Hill.

Alla metà del Novecento Punch iniziò a perdere la propria presa sul pubblico, e nel 1992 dovette chiudere dopo 150 anni di attività. All’inizio del 1996, l’imprenditore egiziano Mohamed Al-Fayed acquistò i diritti sul nome della rivista e ne finanziò la riapertura. La nuova incarnazione di Punch non ebbe successo, e dovette chiudere nuovamente nel 2002.

URL: <http://www.ub.uni-heidelberg.de/helios/fachinfo/www/kunst/digilit/punch.html>

Inventari e cataloghi di biblioteche medievali

Sul sito Internet cuturale sono disponibili le riproduzioni digitalizzate di 386 pubblicazioni moderne contenenti inventari e cataloghi di biblioteche medievali di area italiana.

La collezione digitale è un complemento al progetto R.I.Ca.Bi.M. (Repertorio di Inventari e Cataloghi di Biblioteche Medievali), curato dalla Società Internazionale per lo Studio del Medioevo Latino (SISMEL).

«Obiettivo primario del Progetto di Ricerca R.I.Ca.Bi.M., avviato nel 1996 e costituitosi come redazione stabile a partire dal 2001, è la realizzazione di un repertorio di cataloghi, di inventari e di qualsiasi altra attestazione libraria presente in fonti archivistiche (come testamenti, donazioni, transazioni ed atti di varia natura) o in registri preposti a scopi precipui (note di prestito, note di spesa, note da obituari) contenenti riferimento immediato a manoscritti ed incunaboli, anticamente posseduti, o sotto forma di catalogo dettagliato o di semplice lista o di enumerazione sommaria degli stessi, purché antecedenti al 1520 e senza limiti geografici in seno all’Occidente latino» (dalla pagina di presentazione del progetto sul sito della SISMEL].

Il repertorio R.I.Ca.Bi.M. è disponibile in versione cartacea sul sito delle Edizioni del Galluzzo e consultabile online su Mirabile.

Per approfondire l’argomento si rimanda a questo articolo di recente pubblicazione:

Giovanni Fiesoli, Inventari al quadrato: il progetto R.I.Ca.Bi.M. Bilanci e questioni di metodo, Bibliothecae.it, vol. 5, no. 1 (2016), p. 17-54  (PDF scaricabile gratuitamente: <https://bibliothecae.unibo.it/article/view/6104>).

 

URL: <http://www.internetculturale.it/opencms/opencms/it/main/partner/istituto_37.html>

Sigmund Freud Papers: la Library of Congress mette online tutti i documenti digitalizzati

freud

La Library of Congress, grazie al contributo della Polonsky Foundation, ha digitalizzato e reso liberamente accessibili online  i documenti dell’Archivio di Sigmund Freud depositati presso la biblioteca (>>leggi qui la storia del fondo).

Il fondo, costituitosi a partire dagli anni Cinquanta del Novecento, è eterogeneo e comprende lettere e scritti autografi, interviste a parenti, amici, collaboratori e pazienti e documenti di varia natura sulla vita e sulle opere di Freud.

The papers of Sigmund Freud have been assembled over many years, principally through the collecting efforts of the Sigmund Freud Archives (SFA). The organization was founded in 1951 by a group of New York analysts, including K. R. Eissler, Heinz Hartmann, Ernst Kris, Bertram David Lewin, and Herman Nunberg, to collect Freud letters and writings that were at risk of being lost or destroyed in the aftermath of World War II. Because Freud did not generally retain copies of his outgoing correspondence, letters written by him were geographically dispersed among his many correspondents. Over decades of collecting, the Archives has succeeded in obtaining many original Freud items through gift and purchase. When unable to acquire original documents, it has solicited copies, transcripts, translations, and printed editions. In addition to collecting Freud correspondence and writings, the SFA has assembled secondary material documenting Freud’s life and work. K. R. Eissler supplemented this record by conducting numerous interviews with Freud family members, associates, students, and patients, largely during the 1950s.

La collezione comprende 48.600 documenti, organizzati in dieci sezioni:

  • Family Papers, 1851-1978
  • General Correspondence, 1871-1996
  • Subject File, 1856-198
  • Writings, 1877-1985
  • Interviews and Recollections, 1914-1998
  • Addition, 1912-1983
  • Artifacts and Paintings, Circa 6th Century B.C.E.-1936
  • Oversize, 1859-1985

URL: <https://loc.gov/collections/sigmund-freud-papers/about-this-collection/>

Philo-Med: un portale tra filosofia e scienze biomediche

philomed

Segnaliamo sull’ultimo numero online della rivista «Bibliotime» (anno XIX, n. 3, novembre 2016) un articolo di Antonella Brunelli intitolato Il portale Philomed: un dialogo in rete all’intersezione tra filosofia e scienze biomediche.

L’articolo è dedicato al portale interdisciplinare PhiloMed, a cura del Dipartimento di Filosofia e comunicazione dell’Università di Bologna.

Dalla pagina di presentazione del progetto:

«Il portale PhiloMed è un progetto sperimentale di biblioteca digitale, ovvero di virtual desk reference interdisciplinare. Esso intende costituirsi come un prototipo web innovativo, con focus sulle discipline filosofiche applicate alla bio-medicina, ma esportabile anche ad altre intersezioni disciplinari. Rappresenta un tipo di organizzazione documentale non tradizionale, che propone alla comunità degli studiosi, in questo caso appartenenti ad una intersezione disciplinare a cavallo tra scienze umane e scienze pure, nuovi strumenti di apprendimento, di approfondimento, di interazione e di produzione di contenuti scientifico-accademici. In questo senso può essere inteso come un laboratorio virtuale, con funzionalità avanzate, inteso a favorire la creazione di spazi, virtuali e non, di collaborazione, scambio, apprendimento, produzione di nuovi modelli di ricerca, all’insegna dell’interattività. Alimentato dalle ricerche di un gruppo di lavoro in cui si intrecciano numerose competenze tecniche e scientifiche, PhiloMed si propone come uno strumento per orientarsi nel ricco e articolato scenario del dialogo tra filosofia e medicina».

URL: <http://www.philomed.it/>

 

Sull’argomento leggi anche questo post.