Archivi autore: Elena Franchini

Informazioni su Elena Franchini

Bibliotecaria presso il Sistema Bibliotecario di Ateneo dell'Università di Pisa

Lazio ‘900: un nuovo portale archivistico per gli istituti di Roma e del Lazio

E’ stato appena inaugurato Lazio ‘900, un portale voluto dalla DGA – Direzione Generale Archivi, finanziato dall’amministrazione archivistica statale e dalla regione Lazio, realizzato da Memoria srl e Archiui, per rendere accessibile in rete il patrimonio documentale di alcuni degli Istituti culturali del Lazio provenienti dal progetto Archivi del Novecento che, tra il 1995 e il 2012, ha costituito una delle novità più rilevanti nel panorama nazionale delle reti archivistiche, sicuramente la principale fra i soggetti di diritto privato. Dopo la fine di quella esperienza, alcuni dei suoi protagonisti hanno cercato di non disperdere quanto si era accumulato in saperi, passione, comunità d’intenti e tecnologia.

Il nuovo portale consente di esplorare e interrogare le strutture e le descrizioni archivistiche prodotte dagli istituti aderenti. Si tratta di 364 tra fondi e subfondi, la cui descrizione risiede in circa 165.000 schede cui sono relazionate circa 80.000 entità persona/ente/famiglia. Viene così rimesso nuovamente a disposizione della comunità scientifica e dei cittadini interessati un lavoro di molti anni e di molte persone, volto a stabilire un legame con la storia e le storie, fatto di concretezza archivistica e non solo di narrazioni di rimbalzo.

La Fondazione Lelio e Lisli Basso-ISSOCO ha avuto un ruolo essenziale come capofila degli istituti e collante generale dell’impresa.

Di seguito gli istituti aderenti:

Accademia nazionale della scienza detta dei XL
Associazione nazionale per gli interessi del Mezzogiorno d’Italia – ANIMI
Centro di ricerche per la storia dell’alto Lazio – CERSAL
Fondazione Adriano Olivetti
Fondazione Bettino Craxi
Fondazione Campus Internazionale di Musica
Fondazione centro d’iniziativa giuridica Piero Calamandrei
Fondazione Giuseppe Emanuele e Vera Modigliani – ESSMOI
Fondazione Gramsci
Fondazione Lelio e Lisli Basso – ISSOCO
Fondazione Pietro Nenni
Fondazione Ugo Spirito e Renzo De Felice
Istituto Luigi Sturzo
Istituto nazionale di studi romani
Istituto per l’Oriente Carlo Alfonso Nallino – IPOCAN
Istituto romano per la storia d’Italia dal fascismo alla Resistenza  – IRSIFAR
Istituto storico italiano per il medioevo – ISIME
Società Geografica Italiana

 

URL: <https://www.lazio900.it/>

Erasmus Online Database

Erasmus Online Database è una banca dati a cura dell’Erasmus Center for Early Modern Studies, un istituto cui partecipano la Biblioteca di Rotterdam e l’Università Erasmus di Rotterdam.

La Biblioteca pubblica di Rotterdam è forse l’istituzione che possiede il maggior numero di opere di e su Erasmo da Rotterdam. Circa il 30% dell’intera collezione è costituito da esemplari di opere che risalgono ai tempi di Erasmo (1466 – 1536), tra le quali si annoverano circa 90 opere in prima edizione. La biblioteca custodisce anche numerose lettere manoscritte del filosofo.

La collezione della Biblioteca pubblica di Rotterdam  è una fonte indispensabile per l’edizione dell’Opera Omnia di Erasmo, in corso di pubblicazione con la consulenza scientifica dell’Accademia Reale olandese di arti e scienze.

Il data base indicizza, oltre al posseduto della biblioteca, anche un repertorio bibliografico con i riferimenti a circa 6.000 edizioni delle opere di Erasmo. Ogni record è accompagnato dalle informazioni sulla localizzazione delle copie esistenti nel mondo. In alcuni casi è disponibile anche un’immagine del frontespizio.

Il database contiene anche una copia interamente digitalizzata per ognuno delle 15 principali opere di Erasmo, oltre all’ Opera Omnia pubblicata a Basilea tra il 1538 e il 1540 (indicata come BAS) e l’Opera Omnia pubblicata a Leida tra il 1703 e il 1706 (indicata come LB).

Per recuperare queste edizioni a testo pieno basta lanciare una ricerca per titolo e poi selezionare l’opzione “show facsimiles only”.

The Erasmus Collection of Rotterdam Public Library is one of the world’s largest collections of Erasmiana, if not the largest. Apart from its own collection, the Library also owns a unique card index containing bibliographical descriptions of about 6,000 early-modern editions of Erasmus’s works. These encompass Latin texts as well as translations. Each edition is accompanied by information about the whereabouts of surviving copies worldwide. Bibliographical references are added in many cases, too.

The database can be queried by means of advanced search options. Every edition is identified at least by its bibliographical data. To many editions we have added an image of the title page. Finally, one edition of each of the 15 most important works of Erasmus has been digitized in full, plus the Opera Omnia printed at Basle in 1538–1540 (known as BAS) and the Opera Omnia published at Leiden in 1703-1706 (known as LB). Choose “show facsimiles only” to find these fully available editions (after having entered one or more search terms).

URL: <http://www.erasmus.org/index.cfm?itm_name=erasmusonline-EN>

Accademia delle Scienze di Torino: l’inventario dell’Archivio storico

L’Archivio storico dell’Accademia delle Scienze di Torino conserva sia i documenti originali prodotti attraverso i secoli dalla prestigiosa istituzione durante lo svolgimento della sua attività scientifica, istituzionale e amministrativa, sia numerosi fondi personali.

L’inventario a stampa dell’archivio è stato pubblicato di recente nel volume Tra le carte della scienza. L’archivio storico dell’Accademia delle Scienze di Torino dal passato alla modernità, Torino, Hapax, 2017.

Il volume, curato da Elena Borgi e Daniela Caffaratto, valorizza le carte prodotte da numerosi scienziati, letterati, studiosi che hanno segnato la storia della scienza e della cultura italiana ed europea dal Settecento al Novecento.

Sul sito dell’Accademia delle Scienze sono disponibili le registrazioni video degli interventi tenuti in occasione della giornata di presentazione dell’Archivio storico e dei lavori che hanno portato alla sua completa schedatura e riorganizzazione.

>> L’Archivio storico dell’Accademia delle Scienze dal passato alla modernità

Contestualmente è stata presentata anche un’interfaccia di consultazione dell’inventario informatizzato.

URL: <http://sa-piemonte.thearchivescloud.com/accademiadellescienze-web/>

SHARE Libri: Monografie Open Access di ambito accademico

La piattaforma SHARE Libri offre la possibilità di accedere alle collane di libri elettronici pubblicate ad accesso aperto dalle università aderenti alla convenzione Universities SHARE (Scholarly Heritage and Access to Research): Basilicata, Napoli Federico IINapoli L’OrientaleNapoli ParthenopeSalerno e Sannio.

Il portale è consultabile nella doppia interfaccia italiano/inglese.

Tra le monografie di ambito umanistico segnaliamo:

Il catalogo completo degli e-book disponibili è disponibile qui.

URL: <http://www.fedoabooks.unina.it/>

Archivi della Resistenza: un progetto della Fondazione Gramsci

Il portale Archivi della Resistenza è stato progettato e realizzato dalla Fondazione Gramsci in collaborazione con la Fondazione Gramsci di Puglia e l’Istituto pugliese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea ‘Tommaso Fiore’.

«I fondi archivistici sono relativi all’attività delle Brigate Garibaldi, alla Direzione Nord del Partito comunista italiano, alla Corrispondenza tra la Direzione di Roma e la Direzione di Milano del Partito comunista e dai fascicoli personali dei perseguitati politici antifascisti di Puglia.

La documentazione bibliotecaria è rappresentata dalla stampa periodica libera dell’Italia meridionale, dalle numerose pubblicazioni periodiche di organizzazioni partigiane, pubblicate clandestinamente nell’Italia occupata, e dai fogli volanti pubblicati dalle stesse organizzazioni.
Il Portale rende accessibile in maniera integrata il voluminoso corpus documentario relativo agli anni 1943-1945 interamente digitalizzato e consente di accedere alle diverse basi dati e condurre ricerche integrate di documenti diversi per tipologia, operando successive selezioni a partire dalla ricerca libera. Nel corso della realizzazione del portale si è inoltre deciso di offrire ai fruitori l’accesso alla rivista Rinascita per il 1944-1945 e al quotidiano l’Unità clandestina per il triennio 1943-1945, insieme ad un’ampia selezione di fotografie conservate dall’archivio della Fondazione Gramsci».

URL: <http://archivioresistenza.fondazionegramsci.org/resistenza-gramsci/>

Gli Annali d’Italia (1744-1749) di Lodovico Antonio Muratori

Sul sito del Centro studi muratoriani si trovano i link alle riproduzioni digitalizzate dei 12 volumi della prima edizione degli Annali d’Italia di Lodovico Antonio Muratori.

Annali d’Italia dal principio dell’era volgare sino all’anno 1500, compilati da Lodovico Antonio Muratori bibliotecario del serenissimo Duca di Modena, In Milano, a spese di Giovambatista Pasquali libraro in Venezia, 1744-1749, 12 v.; 4°.

Dal v. 10 il tit. diventa: Annali d’Italia dal principio dell’era volgare sino al 1749.

Comprende:

1: Dall’anno primo dell’era volgare fino all’anno 221, 1744, 592 p.

2: Dall’anno 222 dell’era volgare fino all’anno 400, 1744, [4], 607, [1] p.

3: Dall’anno 401 dell’era volgare fino all’anno 600, 1744, [4], 583, [1] p.

4: Dall’anno 601 dell’era volgare fino all’anno 840, 1744, [4], 608 p.

5: Dall’anno 841 dell’era volgare fino all’anno 1000, 1744, [4], 544 p.

6: Dall’anno 1001 dell’era volgare fino all’anno 1170, 1744, [4], 622, [1] p.

7: Dall’anno 1171 dell’era volgare fino all’anno 1300, 1744, [4], 554, [2] p.

8: Dall’anno 1301 dell’era volgare fino all’anno 1400, 1744, [4], 510 [i.e. 500] p., errori di numerazione.

9: Dall’anno 1401 dell’era volgare sino all’anno 1500, 1744, [4], 520 [i.e. 428] p., errori di numerazione.

10: Dall’anno 1501 dell’era volgare fino all’anno 1600, 1749, [4], 591, [1] p.

11: Dall’anno 1601. dell’era volgare fino all’anno 1700, 1749, [4], 462, [2] p.

12: Dall’anno 1701. dell’era volgare fino all’anno 1749, 1749, [4], 483, [1] p.

 

URL: <https://www.centrostudimuratoriani.it/muratori/annali-d-italia-prima-edizione>

[via Fonti storiche online, a cura di Alessandro Valenzano]

Film Literature Index Online: 25 anni di cinema e di televisione (1976-2001)

Film Literature Index Online è una banca dati retrospettiva ad accesso free che ha indicizzato in modo analitico, per il periodo compreso tra il 1976 e il 2001, 150 riviste di cinema e televisione di 30 diversi paesi e le rubriche di recensioni cinematografiche di altre 200 riviste.

La banca dati contiene circa 700mila riferimenti bibliografici ad  articoli, recensioni di film e recensioni di libri che hanno a che fare con il mondo del cinema o della televisione. Ogni record bibliografico è corredato da voci di soggetto che consentono di affinare la ricerca.

Il progetto è stato realizzato in collaborazione con l’Indiana University.

«The Film Literature Index (FLI) annually indexes 150 film and television periodicals from 30 countries cover-to-cover and 200 other periodicals selectively for articles on film and television. The periodicals range from the scholarly to the popular. More than 2,000 subject headings provide detailed analysis of the articles.

The FLI Online contains approximately 700,000 citations to articles, film reviews and book reviews published between 1976-2001.

The FLI online database contains citations to film, television and video articles, reviews and book reviews. You can search the citations or browse by subject headings, browse by person names, browse by production titles, or browse by corporate names».

URL: <http://webapp1.dlib.indiana.edu/fli/>

Archivi e raccolte fotografiche in Italia: il MiBACT avvia un censimento

Archivio storico del Gruppo Intesa Sanpaolo, Publifoto, anni ‘50

Dal 20 maggio 2017 è liberamente consultabile online la piattaforma del Censimento delle raccolte e degli archivi fotografici in Italia: una mappatura in rete, partecipata e condivisa, del patrimonio fotografico italiano di enti pubblici e privati. Il progetto, promosso dal Mibact in collaborazione con CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia, ha l’ambizione di riuscire a censire, per la prima volta, l’intero patrimonio fotografico italiano di enti pubblici e privati.

Dalla pagina di presentazione del progetto:

Il Censimento delle raccolte e degli archivi fotografici in Italia si prefigge lo scopo di identificare, in modo partecipativo, i soggetti che a vario titolo detengono raccolte o archivi fotografici, riportando informazioni sulla tipologia, sulla consistenza e sulle caratteristiche dei materiali fotografici conservati; la conoscenza sistematica di questo rilevante settore del patrimonio culturale costituirà l’elemento cardine su cui impostare le politiche per la sua tutela e valorizzazione.

Finora gli enti censiti, presenti sul portale, sono 117 per un un totale di 124 raccolte/archivi e 635 fondi fotografici (fonte: articolo pubblicato su Art Tribune nel giugno 2017), ma i numeri sono destinati a crescere perché si tratta di un progetto partecipativo a cui tutti i conservatori di raccolte e archivi fotografici sono invitati a collaborare attivamente.

Segnaliamo inoltre la sezione dedicata alla Bibliografia e alle Risorse online, dove è possibile trovare, regione per regione, le istituzioni pubbliche o private che espongono online archivi, raccolte o collezioni fotografiche.

URL: <www.censimento.fotografia.italia.it>

Fonti per la storia della Toscana / 11: Archivio storico degli artisti lucchesi

L’Archivio storico degli artisti lucchesi contiene schede dettagliate dedicate agli artisti (pittori, scultori, incisori, decoratori) che hanno vissuto e/o operato a Lucca.

Le schede contengono, per ciascun artista, le principali notizie biografiche, l’elenco delle esposizioni personali e collettive alle quali ha partecipato, la bibliografia di riferimento. Sono presenti anche schede analitiche relative alle singole opere (talvolta accompagnate da una riproduzione in b/n o a colori).

Qui riportiamo un esempio di voce: Giorgio Kienerk

Il progetto è a cura della Fondazione Ragghianti. Il Centro Studi sull’arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti nasce nel 1981 dalla donazione dei coniugi Ragghianti alla Cassa di Risparmio di Lucca della loro biblioteca, della fototeca e del loro archivio. Lo scopo primario della Fondazione è di offrire alla città e al comprensorio della Toscana nord occidentale, oltre a qualunque interessato, uno strumento di studio dell’arte, nella storia e nel presente.

URL: <http://artistilucchesi.fondazioneragghianti.it/>

Il portale del cinema muto italiano

Il Portale del cinema muto italiano è un progetto del Centro sperimentale di cinematografia, realizzato in versione beta con il sostegno del MiBACT – Direzione generale cinema. Esso nasce per dare visibilità e accesso al patrimonio del cinema muto italiano recuperato negli anni  grazie all’impegno delle istituzioni e alla tenacia degli studiosi.

Il portale si propone come punto di accesso per la ricerca sui documenti storici (film, foto, manifesti, documenti cartacei, riviste d’epoca) e per approfondimenti di ricerca (studi storici, critici e filmografici).

Il portale si articola in più sezioni. In particolare segnaliamo:

  • Indice dei film: contiene i titoli delle opere consultabili; è navigabile e ordinabile in senso alfabetico, cronologico, per regista o per casa di produzione. Per ogni titolo è prevista, con inserimento in progress, una scheda filmografica corredata da un breve approfondimento storico-critico e da una descrizione dei materiali associati tramite i diversi link (video, immagini, documenti);
  • Percorsi: si offre al lettore l’opportunità di confrontarsi con i momenti fondamentali e con le tematiche più originali del cinema muto italiano, alla luce dello stato attuale delle conoscenze e della ricerca;
  • Riviste e monografie: elenco in progress delle riviste italiane del muto (1907-1929) e una significativa selezione di monografie d’epoca, entrambe con la relativa reperibilità. Per il momento sono state censite e incluse le riviste conservate dalla Biblioteca L. Chiarini del Centro Sperimentale di Cinematografia (>> leggi questo post) e dalla Biblioteca M. Gromo del Museo del Cinema di Torino, ma il progetto prevede l’estensione alle principali realtà, in particolare alle riviste della Biblioteca Nazionale di Firenze. E’ in programma anche l’attivazione dei link alle copie digitalizzate già pubblicate nel web;
  • Bibliografia: un’ampia selezione, organizzata per aree tematiche, di repertori, filmografie, volumi, studi su rivista, con una particolare attenzione ai testi pubblicati negli ultimi vent’anni.

Realizzato con risorse interne al CSC – Cineteca nazionale, si avvale della consulenza scientifica di Luca Mazzei (Università di Roma – Tor Vergata) e di Silvio Alovisio (Università di Torino).

URL: <http://www.ilcinemamuto.it/betatest/>

Strumenti di lavoro: Repertori di filigrane online

Nello studio dei manoscritti e degli antichi testi a stampa, la filigrana è il marchio di fabbrica della cartiera che ha prodotto un determinato foglio di carta. Essa rappresenta un riferimento importante per la datazione e la localizzazione della carta e quindi per la ricostruzione della storia dei codici manoscritti o a stampa. Lo studio di questi marchi è il campo di competenza di una scienza ausiliaria alla filologia, denominata “filigranologia”.

Esistono importanti repertori e banche dati che indicizzano decine di migliaia di filigrane. Elenchiamo in questo post alcune degli strumenti più utili consultabili gratuitamente in Rete.

Repertori storici:

Charles-Moïse BriquetLes filigranes: dictionnaire historique des marques du papier dès leur apparition vers 1282 jusqu’en 1600  (1. ed. 1907). Briquet ha personalmente raccolto più di 40.000 disegni di filigrane, di questi 16.122 sono riprodotti ed illustrati nelle diverse edizioni del suo dizionario. I disegni, veri e propri ricalchi, sono realizzati a matita su carta da lucido (ancor oggi, a questo scopo, il procedimento più rapido ed efficace) e sono catalogati numericamente e classificati a seconda delle figure o del motivo rappresentato. Accesso alla versione online: <http://www.ksbm.oeaw.ac.at/_scripts/php/BR.php?refnr=15254&lang=fr>

Gerhard Piccard, Die Wasserzeichenkartei im Hauptstaatsarchiv Stuttgart  (Stuttgart, 1961-1997: 17 vol.). L’imponente repertorio di Piccard comprende circa 92.000 disegni di filigrane.
In Rete sono disponibili due versioni:
– riproduzione dei singoli volumi (incompleto, mancano i vol. 1-2): <http://www.ksbm.oeaw.ac.at/_scripts/php/PPO.php>
– banca dati ricercabile, uno strumento moderno ed efficace (Piccard online): <https://www.piccard-online.de/start.php>

Banche dati più recenti:

The Gravell Watermark Archive: la collezione di Thomas Gravell, comprendente più di 7.000 filigrane prodotte tra il 1400 e il 1835. Accesso alla banca dati: <http://www.gravell.org>

Filigrane del Medioevo/ Wasserzeichen des Mittelalters: progetto a cura dell’Österreichischen Akademie der Wissenschaften (accademia austriaca delle scienze) – Istituto di studi medievali,  Divisione di codicologia e paleografia. Accesso alla banca dati (si può selezionare anche il menu in lingua italiana): <http://www.wzma.at/>

WZIS -Wasserzeichen-Informationssystem: banca dati a cura del Centro di ricerca tedesco sul libro manoscritto (DFG-Handschriftenzentren): indicizza 130.000 diverse filigrane. Accesso alla banca dati: <https://www.wasserzeichen-online.de/wzis/index.php>

WILC – Watermarks in Incunabula printed in the Low Countries: repertorio delle filigrane di  incunaboli stampati nei Paesi Bassi, a cura della Biblioteca nazionale olandese. Contiene circa 16.000 filigrane. Accesso alla banca dati: <http://watermark.kb.nl/default/search/advanced/>

Bernstein – The Memory of Paper: catalogo con più di 200.000 record che indicizzano filigrane europee realizzate nel Medioevo e nella prima Età moderna, provenienti da libri, documenti d’archivio, stampe, ecc. Nel catalogo le filigrane si possono ricercare attraverso parole chiave, le caratteristiche della carta o una classificazione di tipo visuale.
Accesso al catalogo: <http://www.memoryofpaper.eu/BernsteinPortal/appl_start.disp>

Il portale Bernstein contiene molte altre utilissime risorse relative alla storia della carta: per approfondire rimandiamo a questo nostro post.

Infine, per un’introduzione generale al mondo delle filigrane consigliamo una visita al Museo della carta e della filigrana di Fabriano.

Fonti per la storia della Toscana / 10: Guida generale dell’Archivio storico del Comune di San Miniato

Nella collana «Strumenti» della Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi è disponibile il volume:

Guida generale dell’Archivio storico / Comune di San Miniato ; a cura di Luigina Carratori … [et. al.]. – Roma : Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni archivistici, 1992. – (Pubblicazioni degli archivi di Stato. Quaderni della Rassegna degli archivi di Stato ; 68). –  ISBN: 88-7125-061-3.

Dalla Premessa di Roberto Cerri:

«La Guida generale dei fondi archivistici conservati presso l’Archivio storico del Comune di San Miniato (Pisa) presenta l’elenco, diviso in tre parti (archivio preunitario, archivio postunitario e archivi aggregati), di tutti i fondi e le serie che si trovano nel deposito archivistico comunale e che sono consultabili dal pubblico.

La Guida è articolata in tre sezioni principali che corrispondono alle tre grandi divisioni del deposito archivistico sanminiatese: l’archivio preunitario, quello postunitarioe e gli archivi
aggregati. Ogni sezione prevede una introduzione che traccia la storia complessiva dei fondi conservati in quella parte del deposito. Quindi ogni fondo è corredato da una introduzione storica che fornisce informazioni sul soggetto (si tratti di persona o di ente collettivo) che ha creato il fondo e sullo stato di conservazione della documentazione.
Infine le serie principali sono seguite da una nota esplicativa che ne illustra sia il contenuto che le caratteristiche principali. La parte descrittiva formalizzata fornisce inoltre il numero delle unità fisiche che costituiscono la serie, l’estensione cronologica delle serie medesime, il condizionamento delle unità (buste, filze e registri), nonché eventuali gravi lacune presenti nella documentazione.
La  Guida è corredata infine dall’indice alfabetico dei nomi propri e dei  luoghi».

>> Per accedere al volume clicca qui

Art Discovery: un catalogo per le ricerche in Storia dell’Arte

Art Discovery Group Catalogue (ADGC), lanciato nel maggio 2014, è un catalogo unico che offre possibilità di ricerca nell’ambito artistico all’interno dell’ambiente OCLC WorldCat. Comprende una selezione di cataloghi di importanti biblioteche ed istituti d’arte ricercabili insieme a contenuti provenienti da altre fonti.
Il catalogo è coordinato dal comitato artlibraries.net e tutto il progetto si è sviluppato nel contesto dell’iniziativa Future of art bibliography grazie al supporto della Samuel H. Kress Foundation e del Getty Research Institute, che hanno dato un contributo finanziario.

Il catalogo attualmente comprende il posseduto di oltre 60 biblioteche d’arte (tra biblioteche singole e consorziate) in Europa, Nord America, Asia ed Australia ed è in continua espansione con l’arrivo di nuovi membri. In Italia è attiva la partecipazione di IRIS Associazione di biblioteche, alla quale afferiscono importanti istituti tra cui gli Uffizi, l’Istituto di studi sul Rinascimento, la Fondazione Longhi, Villa I Tatti, l’Opificio delle pietre dure.

Il vantaggio del catalogo ADGC è la possibilità di visualizzare i dati aggregati provenienti da tutte le biblioteche partecipanti, oltre a collezioni ad accesso aperto, portali e repositories accessibili tramite OCLC ed il suo WorldCat Central Index.
Grande valore aggiunto è dato dai dati provenienti da importanti database bibliografici (ad es. le notizie indicizzate in Kubikat). In un prossimo futuro verrà inglobata anche l’importantissima mole di dati della storica Bibliography of the History of Art (BHA) (>> per saperne di più rimandiamo alla lettura di questo nostro post).

Documenti di approfondimento sono segnalati sul sito di IFNET, al quale rimandiamo per ulteriori informazioni.

Launched in May 2014, the Art Discovery Group Catalogue (ADGC) offers an art-focused research experience within the OCLC WorldCat environment. Researchers may search within this specialized subset of Worldcat data to hone in on a vast trove of art-historical literature held in an ever-increasing number of the world’s finest art libraries.  These art library records are searchable alongside additional content from a multitude of sources in the large metadata pool derived from thousands of commercial and freely-accessible collections, portals and repositories provided by OCLC as the WorldCat Central Index.

Thanks to the development of the Art Discovery Group Catalogue, bibliographic records from a number of art libraries previously not in OCLC are now openly discoverable in the ADGC as well as in the general Worldcat, offering information about more of the world’s art-related publications to researchers while providing greater visibility for the art libraries worldwide.  In addition, unique and important art-historical citation resources such as kubikat are now integrated within the ADGC, with others to follow, including the legacy files of the Bibliography of the History of Art (BHA).

Future plans for this growing art-historical research tool are to identify and prioritize–with the engagement of the ADGC community–other art-related databases, journals, etc. requiring group subscriptions in order to be discoverable in the ADGC. Work on refining and enhancing the user experience within the ADGC is another high priority for the committee that will informed by the community.  Another priority is to work with OCLC on the potential integration of more materials outside of traditional bibliographic boundaries, such as archives, images, and born-digital material.

The goal of this accumulation was to virtually create a comprehensive aggregator of bibliographic data for distinct bibliographic searches. In 2012, there were around 12 million records in the virtual data pool, referring not only to books but also to hundreds of thousands of journal articles, reviews, auction catalogues, and special collections.

URL: <http://artdiscovery.net/>

Biblioteca digitale delle Nazioni Unite

Biblioteca digitale delle Nazioni Unite

Frutto della collaborazione tra la Biblioteca delle Nazioni Unite Dag Hammarskjöld e la Biblioteca dell’Ufficio delle Nazioni Unite di Ginevra, la nuova Biblioteca digitale delle Nazioni Unite, inaugurata nel giugno 2017, dà accesso a tutta la documentazione prodotta dall’ONU.

A result of the successful collaboration between the UN Dag Hammarskjöld Library and the United Nations Office at Geneva Library, the platform provides access to UN-produced materials in digital format free of charge. It is built on open source technology developed by the European Organization for Nuclear Research (CERN) and encompasses administration and open source metrics. The system incorporates content presented in various “stand-alone databases” such as the UN Bibliographic Information System (UNBISNET) and the UN Official Document System (ODS) – almost 900,000 records and counting. It provides one global point of access to UN information – current and historical. Enhancements will be rolled out on a regular basis. Starting June 2017, we will begin phase 2 of the system’s development and will extend an invitation to to other UN Libraries to join us and use the platform.

What can I find in the United Nations Digital Library now?
– UN documents and open access publications
– UN voting data and speeches
– UN maps
– UN content freely available around the world
– Content in 6+ languages

Un video promozionale della biblioteca digitale è disponibile su YouTube.

URL: <https://digitallibrary.un.org/>

Manifesti pubblicitari di inizio Novecento: la Collezione Salce

Il 26 maggio 2017 è stato inaugurato a Treviso il Museo Statale Collezione Salce.

Il museo custodisce l’importante collezione appartenuta a Nando Salce e alla moglie Regina Gregory, lasciata in eredità allo Stato nel 1962. Con i suoi 24.580 documenti, si tratta della più importante raccolta italiana di manifesti e può essere annoverata tra le più insigni anche a livello europeo.

“Una collezione nata nel 1895, quando il giovanissimo Nando Salce acquistò per una lira il manifesto Incandescenza a Gas Auer disegnato da Giovanni Maria Mataloni. Nacque così una passione che il collezionista trevigiano condivise non solo con la moglie, ma anche con i massimi esperti del settore, tra cui editori e tipografi specializzati (Ricordi a Milano, Alessandro Marzi e Salomone a Roma, Chappuis a Bologna, Cassan a Tolosa, Hirth Verlag e Bruckmann a Monaco di Baviera), ditte e aziende committenti, cartellonisti e gallerie specializzate, come la Sagot di Parigi con cui Salce instaurò costanti scambi. Aspetto qualificante del nuovo museo appare l’obiettivo non solo di conservare e valorizzare un patrimonio raro e preziosissimo, ma anche di implementarlo con nuove acquisizioni, allo scopo di configurarlo in futuro come museo nazionale italiano della pubblicità e del manifesto pubblicitario” (dall’articolo di Elena Franzoia pubblicato su Il Giornale dell’arte, numero 376, giugno 2017, pag. 22).

L’intera collezione è stata digitalizzata ed è consultabile gratuitamente online.

Con quantità rilevanti di cartelloni sono presenti, in ordine di consistenza, artisti quali Dudovich, Mauzan, Boccasile, Cappiello, Codognato, Metlicovitz, Lenhart; ben rappresentati sono anche Cambellotti, Laskoff, Mataloni, Savignac, Terzi, Hohenstein, Seneca, Sepo, Villa; non mancano prove di artisti quali Boccioni, De Chirico, Depero, Casorati, Sironi, Fontana, Alberto Martini e Arturo Martini. Alcuni manifesti sono presenti in più copie, anche di diversa dimensione, o varianti; moltissime anche le locandine cartonate di piccola dimensione.

URL: <www.collezionesalce.beniculturali.it>