Archivi autore: Elena Franchini

Informazioni su Elena Franchini

Bibliotecaria presso il Sistema Bibliotecario di Ateneo dell'Università di Pisa

EHNE: Encyclopédie pour une Histoire Nouvelle de l’Europe

EHNE – Encyclopédie pour une histoire nouvelle de l’Europe è un’enciclopedia tematica bilingue (francese e inglese) che propone un approccio trasversale e globale alla storia europea. Si rivolge a un vasto pubblico: insegnanti e studenti della scuola superiore, comunità scientifica universitaria, studiosi, giornalisti o semplici curiosi che desiderano approfondire alcuni temi. Offre chiavi di lettura del presente attraverso l’analisi del passato. L’enciclopedia è a cura del LabEx EHNE.

L’Encyclopédie pour une histoire nouvelle de l’Europe est thématique, bilingue (français et anglais) et propose des approches transversales et globales de l’histoire européenne. Le but est de s’adresser à un public large : enseignants du secondaire et du supérieur, communauté scientifique universitaire, étudiants, milieu politique, journalistes ou mêmes toutes personnes souhaitant la consulter. Sans négliger aucune période de l’histoire et dans la perspective que le LabEx s’est fixé d’expliquer la crise européenne d’aujourd’hui, elle essaie de donner à ses lecteurs des clés historiques de compréhension du présent.

Per una presentazione più dettagliata del progetto si rimanda a un post pubblicato sul blog accademico ApprenHIST – Le carnet des apprentis archivistes et historien-ne de l’Université de Lille.

 

URL: <http://www.ehne.fr/>  [versione in lingua inglese: <http://www.ehne.fr/en>]

Storia dei Gesuiti: una bibliografia online

La risorsa Boston College Jesuit Bibliography: The New Sommervogel Online è una bibliografia online ad accesso gratuito dedicata agli studi sulla storia dei gesuiti. Indicizza libri, saggi pubblicati in monografie, articoli di rivista, tesi e dissertazioni che hanno per argomento la storia della Compagnia di Gesù, l’ordine fondato da Ignazio di Loyola nel 1540.

Le riviste sottoposte a spoglio solo più di 1300. Ogni record contiene i dati bibliografici del documento (comprensivi delle voci di soggetto)  oltre ad un  abstract e al link al catalogo Worldcat, qualora disponibili.

La bibliografia è ospitata sul server dell’editore Brill ed è liberamente accessibile.

Riprotiamo la presentazione del progetto pubblicata sul sito web del Boston College:

«The Boston College Jesuit Bibliography: The New Sommervogel is your first stop for research in the expanding field of Jesuit studies. A comprehensive and searchable online database, the New Sommervogel encompasses books, chapters, articles, reviews, dissertations, and other materials relating to the Jesuit order. These records are being compiled through a systematic search of over 1300 journals as well as WorldCat records and existing bibliographies. In addition to standard bibliographical data, each entry includes up to four detailed subject headings, along with abstracts and direct links to the materials or their WorldCat records whenever such resources are available. The database is produced by the Institute for Advanced Jesuit Studies in conjunction with Brill, which hosts and maintains the site. A global and growing network of correspondents assists with the collection of journal articles. Funding from Boston College ensures that the database will be an open-access resource.

The Boston College Jesuit Bibliography is the most recent incarnation of a long and distinctive tradition of Jesuit bibliography. St. Ignatius himself insisted that the order’s business be conducted through written correspondence, a large archive of which was carefully maintained by his secretary, Juan Alfonso de Polanco. The first bibliography appeared in 1608, less than a century after the Society was established, and received several subsequent updates. Following the suppression and restoration of the Jesuit order in the late 18th and early 19th centuries, the bibliographical thread was resurrected through the heroic efforts of several Jesuit scholars, chief among them the Alsatian priest Carlos Sommervogel. His project was expanded in the 20th century by the late László Polgár and subsequently continued by Paul Begheyn. The Boston College Jesuit Bibliography builds upon and will ultimately incorporate the work of all of its predecessors, using the new tools of the digital humanities to bring a venerable bibliographical tradition into the 21st century».

URL: <http://bibliographies.brillonline.com/browse/nso>

Punch: la più famosa rivista di satira inglese è stata digitalizzata

Punch è forse la più famosa rivista satirica inglese. Pubblicata con periodicità settimanale dal 1841 al 1992, e poi dal 1996 al 2002, ebbe fra i suoi collaboratori molti celebri scrittori e illustratori del XIX e XX secolo.

La rivista Punch fu fondata il 17 luglio 1841 da Henry Mayhew e dall’incisore Ebenezer Landells. Fu inizialmente curata da Mayhew (che avrebbe poi abbandonato quattro anni dopo) e da Mark Lemon. Il nome “Punch” faceva senza dubbio riferimento alla maschera omonima del teatro dei burattini di Punch e Judy (una versione clownesca, ma anche malvagia, del Pulcinella della commedia dell’arte italiana); tuttavia, nascondeva anche un gioco di parole sulla bevanda omonima: punch is nothing without lemon, ovvero “il punch non è niente senza limone” (ossia: “senza (Mark) Lemon”!).

In omaggio alla famosa rivista francese Le Charivari, fino al 1844 la rivista venne pubblicata con un sottotitolo Punch, or The London Charivari.

La rivista Punch divenne ben presto molto popolare nei salotti inglesi e ancora oggi rappresenta una fonte primaria importante per la storia del costume e della satira politica in Gran Bretagna.

L’Università di Heidelberg ha digitalizzato le annate complete dal 1841 al 1925 nell’ambito di un bellissimo progetto di digitalizzazione di più ampio respiro che riguarda la valorizzazione di riviste satiriche e d’arte dell’Ottocento e dei primi decenni del Novecento (per approfondimenti si rimanda alla lettura di questo post del nostro blog).

Le annate di Punch che vanno dal 1841 al 1925 sono liberamente consultabili online, mentre le annate successive, per ragioni di copyright, sono consultabili solo offline sulle postazioni informatiche che si trovano all’interno della sala di lettura della biblioteca dell’Università di Heidelbeg.

Il primo numero di Punch venne pubblicato il 17 luglio 1841.

Nel corso delle sua lunga e fortunata storia editoriale, la rivista Punch poté annoverare tra i propri collaboratori molti caricaturisti e scrittori famori. Tra i disegnatori più importanti ricordiamo John Leech, Linley Sambourne, Charles Keene, Leonard Raven-Hill.

Alla metà del Novecento Punch iniziò a perdere la propria presa sul pubblico, e nel 1992 dovette chiudere dopo 150 anni di attività. All’inizio del 1996, l’imprenditore egiziano Mohamed Al-Fayed acquistò i diritti sul nome della rivista e ne finanziò la riapertura. La nuova incarnazione di Punch non ebbe successo, e dovette chiudere nuovamente nel 2002.

URL: <http://www.ub.uni-heidelberg.de/helios/fachinfo/www/kunst/digilit/punch.html>

Inventari e cataloghi di biblioteche medievali

Sul sito Internet cuturale sono disponibili le riproduzioni digitalizzate di 386 pubblicazioni moderne contenenti inventari e cataloghi di biblioteche medievali di area italiana.

La collezione digitale è un complemento al progetto R.I.Ca.Bi.M. (Repertorio di Inventari e Cataloghi di Biblioteche Medievali), curato dalla Società Internazionale per lo Studio del Medioevo Latino (SISMEL).

«Obiettivo primario del Progetto di Ricerca R.I.Ca.Bi.M., avviato nel 1996 e costituitosi come redazione stabile a partire dal 2001, è la realizzazione di un repertorio di cataloghi, di inventari e di qualsiasi altra attestazione libraria presente in fonti archivistiche (come testamenti, donazioni, transazioni ed atti di varia natura) o in registri preposti a scopi precipui (note di prestito, note di spesa, note da obituari) contenenti riferimento immediato a manoscritti ed incunaboli, anticamente posseduti, o sotto forma di catalogo dettagliato o di semplice lista o di enumerazione sommaria degli stessi, purché antecedenti al 1520 e senza limiti geografici in seno all’Occidente latino» (dalla pagina di presentazione del progetto sul sito della SISMEL].

Il repertorio R.I.Ca.Bi.M. è disponibile in versione cartacea sul sito delle Edizioni del Galluzzo e consultabile online su Mirabile.

Per approfondire l’argomento si rimanda a questo articolo di recente pubblicazione:

Giovanni Fiesoli, Inventari al quadrato: il progetto R.I.Ca.Bi.M. Bilanci e questioni di metodo, Bibliothecae.it, vol. 5, no. 1 (2016), p. 17-54  (PDF scaricabile gratuitamente: <https://bibliothecae.unibo.it/article/view/6104>).

 

URL: <http://www.internetculturale.it/opencms/opencms/it/main/partner/istituto_37.html>

Sigmund Freud Papers: la Library of Congress mette online tutti i documenti digitalizzati

freud

La Library of Congress, grazie al contributo della Polonsky Foundation, ha digitalizzato e reso liberamente accessibili online  i documenti dell’Archivio di Sigmund Freud depositati presso la biblioteca (>>leggi qui la storia del fondo).

Il fondo, costituitosi a partire dagli anni Cinquanta del Novecento, è eterogeneo e comprende lettere e scritti autografi, interviste a parenti, amici, collaboratori e pazienti e documenti di varia natura sulla vita e sulle opere di Freud.

The papers of Sigmund Freud have been assembled over many years, principally through the collecting efforts of the Sigmund Freud Archives (SFA). The organization was founded in 1951 by a group of New York analysts, including K. R. Eissler, Heinz Hartmann, Ernst Kris, Bertram David Lewin, and Herman Nunberg, to collect Freud letters and writings that were at risk of being lost or destroyed in the aftermath of World War II. Because Freud did not generally retain copies of his outgoing correspondence, letters written by him were geographically dispersed among his many correspondents. Over decades of collecting, the Archives has succeeded in obtaining many original Freud items through gift and purchase. When unable to acquire original documents, it has solicited copies, transcripts, translations, and printed editions. In addition to collecting Freud correspondence and writings, the SFA has assembled secondary material documenting Freud’s life and work. K. R. Eissler supplemented this record by conducting numerous interviews with Freud family members, associates, students, and patients, largely during the 1950s.

La collezione comprende 48.600 documenti, organizzati in dieci sezioni:

  • Family Papers, 1851-1978
  • General Correspondence, 1871-1996
  • Subject File, 1856-198
  • Writings, 1877-1985
  • Interviews and Recollections, 1914-1998
  • Addition, 1912-1983
  • Artifacts and Paintings, Circa 6th Century B.C.E.-1936
  • Oversize, 1859-1985

URL: <https://loc.gov/collections/sigmund-freud-papers/about-this-collection/>

Philo-Med: un portale tra filosofia e scienze biomediche

philomed

Segnaliamo sull’ultimo numero online della rivista «Bibliotime» (anno XIX, n. 3, novembre 2016) un articolo di Antonella Brunelli intitolato Il portale Philomed: un dialogo in rete all’intersezione tra filosofia e scienze biomediche.

L’articolo è dedicato al portale interdisciplinare PhiloMed, a cura del Dipartimento di Filosofia e comunicazione dell’Università di Bologna.

Dalla pagina di presentazione del progetto:

«Il portale PhiloMed è un progetto sperimentale di biblioteca digitale, ovvero di virtual desk reference interdisciplinare. Esso intende costituirsi come un prototipo web innovativo, con focus sulle discipline filosofiche applicate alla bio-medicina, ma esportabile anche ad altre intersezioni disciplinari. Rappresenta un tipo di organizzazione documentale non tradizionale, che propone alla comunità degli studiosi, in questo caso appartenenti ad una intersezione disciplinare a cavallo tra scienze umane e scienze pure, nuovi strumenti di apprendimento, di approfondimento, di interazione e di produzione di contenuti scientifico-accademici. In questo senso può essere inteso come un laboratorio virtuale, con funzionalità avanzate, inteso a favorire la creazione di spazi, virtuali e non, di collaborazione, scambio, apprendimento, produzione di nuovi modelli di ricerca, all’insegna dell’interattività. Alimentato dalle ricerche di un gruppo di lavoro in cui si intrecciano numerose competenze tecniche e scientifiche, PhiloMed si propone come uno strumento per orientarsi nel ricco e articolato scenario del dialogo tra filosofia e medicina».

URL: <http://www.philomed.it/>

 

Sull’argomento leggi anche questo post.

L’Esprit nouveau (1920-1925)

esprit

La prestigiosa rivista «L’Esprit nouveau», fondata nel 1919 dall’archietto Le Corbusier con il pittore Amedé  Ozenfant e il poeta Paul Dermée e uscita dal 1920 fino al 1925 (28 numeri), fu un fondamentale strumento di diffusione del movimento purista.

Il progetto di digitalizzazione e consultazione online è stato curato dalla biblioteca di Area delle Arti dell’Università Roma Tre; comprende varie funzioni di ricerca e la possibilità di scaricare e stampare i file dei singoli fascicoli in formato pdf ad una buona risoluzione.

URL: <http://arti.sba.uniroma3.it/esprit/>

[messaggio di Silvia Ruffini, che ringraziamo, inviato alla mailing list AIB-Cur]

EduOpen: la nuova piattaforma di e-learning delle Università italiane

 

mooc

La piattaforma EduOpen coinvolge 14 atenei italiani pubblici per offrire dei corsi formativi di alta qualità a distanza, cioè i cosiddetti MOOC (Massive open online course). Tutti i corsi offerti da EduOpen sono tenuti da docenti universitari e prodotti dalle università italiane aderenti al progetto, finanziato dal ministero dell’Istruzione con 100 mila euro.

Gli atenei attualmente nella piattaforma sono: l’Università Aldo Moro di Bari, il Politecnico di Bari, la Libera Università di Bolzano, l’Università di Catania, l’Università di Ferrara, l’Università di Foggia, l’Università di Genova, l’Università Politecnica delle Marche, l’Università di Modena e Reggio Emilia, l’Università Bicocca di Milano, l’Università di Parma, l’Università di Perugia, l’Università del Salento, l’Università Ca’ Foscari di Venezia.

La piattaforma è aperta anche ad altri atenei, italiani e stranieri, che avessero intenzione di aderire. Ha una forte vocazione internazionale e sono previsti per il futuro anche corsi in lingua inglese.

URL: <http://eduopen.org/>

>> Se sei interessato all’argomento leggi anche questo post: EMMA: la piattaforma di corsi online finanziata dall’Unione Europea

Trieste: i cicli di Lezioni di Storia organizzati dagli Editori Laterza

Trieste_Laterza

Già da diversi anni gli Editori Laterza organizzano in varie città d’Italia cicli di lezioni gratuite alle quali la cittadinanza è invitata a partecipare sino a esaurimento posti.

In alcuni casi le lezioni sono disponibili in video (vedi, ad esempio, il ciclo di lezioni Genova italiana del 2011).

Vi proponiamo in questo post le registrazioni dei cicli di lezioni dedicati a Trieste, città strategica e di frontiera, crocevia di lingue, culture, attività commericiali e culturali, una delle città chiave per leggere e interpretare la complessità e le contraddizioni della storia del Novecento.

L’iniziativa è promossa dal Comune di Trieste, ideata e progettata dagli Editori Laterza, sponsorizzata da AcegasApsAmga Società del Gruppo Hera, con il contributo della Fondazione CRTrieste e la collaborazione de «Il Piccolo».

Continua a leggere

La storia della Russia dal 1860 al 2000: una raccolta di fotografie digitalizzate

Foto del 1958

Foto del 1958

Il Museo di arti mulimediali di Mosca ha annunciato il lancio di un sito web grazie al quale è possibile ripercorre in 80.000 scatti fotografici gli ultimi 150 anni della storia russa, dal 1860 fino al 2000. La raccolta è destinata a crescere nel tempo.

La direttrice del museo, Olga Sviblovo, ha dichiarato che l’obiettivo è quello di raccogliere in un  portale tutte le collezioni fotografiche pubbliche e private presenti in Russia.

Purtroppo non è ancora disponibile un’interfaccia in lingua inglese, anche se il progetto è in corso d’opera. Le fotografie sono comuqnue facilmente accessibili anche per chi non conosce la lingua russa, dal momento che si può semplicemente scorrere le fotografie in ordine cronologico o selezionare un anno specifico facendo scorrere il cursore lungo la linea del tempo.

Riportiamo per intero il testo di un articolo pubblicato il 17 giugno sulla webzine Russia Beyond the Headlines:

«The Moscow Multimedia Art Museum announced the launch of a new portal, History of Russia in Photographs, which exhibits about 80,000 photos dating from 1860 to 2000. The collection will be expanded daily.

The museum’s director, Olga Sviblovo, said the portal’s goal is to unite all museum and private photo collections in order to create a ‘visual Wikipedia on Russian history in photos’.

The site is a sort of photography bank, very easy and convenient to use. To visually study a section of time one does not need to know Russian. It is enough just to move two cursors on ‘the plate of time’ onto the period of interest and all the photos corresponding to the request will appear on the main page.

‘We’re now developing the site’s English version and perfecting the auto translator because searching on the site is done through tags’, explained Sviblova. ‘There are already more than 10,000 of them. For example, type in the tag boutonnière and you can see a photo of poet Alexander Blok wearing one on his jacket’.

‘We began thinking of such a portal in 1999 because we understood how important it would be to create a photographic history for future generations’, continued Sviblovo. ‘You cannot build the future without knowing your past’.

The project cooperates with all of Moscow’s museums and the state archive, as well as with regional museums and the heirs of famous Russian photographers».

URL: <https://russiainphoto.ru/>

 

[grazie a Klaus Graf per aver segnalato la notizia sul suo prezioso blog Archivalia]

Biblioteca digitale della Valle d’Aosta

18

Cordela è la raccolta di documenti digitali della Biblioteca regionale Bruno Salvadori e dell’Archivio storico regionale di Aosta.

Nata in seguito a campagne di digitalizzazione dei periodici storici locali avviate nel 2012, Cordela si è successivamente sviluppata fino a rendere oggi accessibili in forma digitale diverse tipologie di documenti: giornali e riviste, manoscritti, libri, cartografia storica, manifesti, stampe e disegni.

I fondi attualmente più rilevanti presenti in Cordela sono le collezioni di periodici storici, i registri parcellari del catasto del Regno di Sardegna, carte geografiche antiche e manifesti di esposizioni estive di artigianato di tradizione.

  • Attraverso le pagine dei giornali, è possibile leggere le cronache coeve di eventi quali la concessione dello Statuto Albertino, le guerre di indipendenza, l’Unità d’Italia, la questione linguistica, fino all’oscuro ventennio della dittatura e alle trasformazioni socioeconomiche del secondo dopoguerra.
  • Il Catasto Sardo offre una rappresentazione inedita completa del territorio valdostano intorno al 1770, periodo di grandi riforme e innovazioni istituzionali. Vi sono segnati i nomi dei proprietari di terre e fabbricati e l’entità dei rispettivi beni.
  • Sorta per rappresentare il teatro delle terre delle dinastie regnanti, la cartografia storica si è via via perfezionata fino a raggiungere ragguardevoli livelli tecnici e grafici a partire dai lavori di Tomaso Borgonio (1683) e di Giacomo Stagnon (1772).

L’accesso a Cordela è possibile da tutti i computer, tablet e smartphone dotati di collegamento internet.

I soli documenti protetti dalla normativa in materia di diritti d’autore, contrassegnati da un lucchetto, sono consultabili unicamente nelle sedi delle biblioteche regionali di Aosta, Morgex, Châtillon, Verrès e Donnas.

I libri e i periodici sono generalmente trattati in modalità OCR: in tal modo si possono effettuare ricerche per parole “full text”.

Per tutte le tipologie di documenti è possibile effettuare una ricerca semplice per parole contenute nelle schede descrittive (autore, titolo, anno, …) o una ricerca avanzata che permette di filtrare i risultati incrociando dati diversi.

E’ previsto un regolare sviluppo e aggiornamento delle collezioni negli anni, per mettere a disposizione del pubblico altri libri antichi e preziosi di interesse locale e le principali fonti archivistiche della storia valdostana.

URL: <http://cordela.regione.vda.it/home.aspx>

Scène Européenne: un sito dedicato alla storia del teatro in Europa dal Rinascimento al Barocco

teatro europa

Scène Européenne è un progetto sulla storia del teatro in Europa dagli albori del Rinascimento fino al Barocco. Raccoglie i contributi di specialisti provenienti da Italia, Spagna, Regno Unito e Francia. Il sito è diviso in tre parti:

  • Teatro inglese: pubblicazioni sul teatro nel Rinascimento europeo, soprattutto inglese, e sul clima culturale del periodo.
  • Traduzioni introvabili: fonti difficilmente reperibili che riguardano il teatro inglese del periodo Tudor, il teatro francese del periodo barocco e il teatro spagnolo dell’età d’oro. I testi sono in scaricabili in PDF e sono accompagnati da un’introduzione.
  • Regards croisés sur la scène Européenne: contiene le pubblicazioni e gli atti di congressi e conferenze pubblicati dal Centre d’Études Supérieures de la Renaissance.

Scène Européenne è un progetto a cura del Centre d’Études Supérieures de la Renaissance.

URL: <http://umr6576.cesr.univ-tours.fr/publications/Scene_europeenne/>

«Senza rossetto»: raccolta di videointerviste alle donne italiane che votarono per la prima volta 70 anni fa

voto_donne

“Senza rossetto” è un lavoro di raccolta di testimonianze di donne che andarono a votare per la prima volta (senza rossetto sulle labbra, per non sporcare la scheda che doveva essere umettata e incollata, pena l’invalidazione) per le elezioni amministrative del marzo-aprile 1946 e successivamente, il 2 giugno 1946,  per l’elezione di un’Assemblea costituente e la scelta della forma istituzionale dello Stato, se Repubblica o Monarchia.

Il progetto vuole raccontare l’importanza simbolica e politica che il voto, vissuto come concessione o conquista o naturale conseguenza dei tempi, come diritto o dovere, ebbe sulla percezione di sé.

Il progetto è ideato e curato da Silvana Profeta ed Emanuela Mazzina.

Senza rossetto è stato promosso ed è sostenuto da Regesta.exe, con la partecipazione della Fondazione AAMOD e dell’Istituto Luigi Sturzo.

Le curatrici del progetto dichiarano: «L’ambizione che abbiamo è quella di continuare questo lavoro di documentazione per arrivare fino al 18 aprile del 2018, quando cadrà il settantesimo anniversario dell’elezione del primo Parlamento repubblicano».

URL: <http://www.senzarossetto.net/>

 

Deutsches Textarchiv: biblioteca digitale in lingua tedesca

biblioteca_digitale

Deutsches Textarchiv (DTA) è un progetto di carattere interdisciplinare, finanziato della DFG – Deutsche Forschungsgemeinschaft, che ha consentito la digitalizzazione di circa 2.500 opere fuori diritti, in lingua tedesca, apparse tra il XVII e il XX secolo.

Si tratta di testi digitalizzati e poi trattati con sistemi di marcatura del testo secondo le tecniche di linguistica computazionale più avanzate (i testi sono tutti in formato HTML e sono disponibile anche in un formato TEI P5).

Questo trattamento consente una ricerca molto raffinata di nomi, singoli vocaboli e varianti del testo.

La collezione comprende classici di Storia, Storia dell’arte, Musicologia, Filologia, Filosofia, Diritto, Geografia, Scienze sociali, Chimica, Medicina, Biologia, Geologia, Matematica, Fisica.

>> vai alla pagina Wikipedia (in lingue tedesca) dedicata al progetto

URL: <http://www.deutschestextarchiv.de/>

La Bibliografia Nazionale Italiana (BNI) diventa ad accesso gratuito

bni

A partire dal 30 maggio 2016, la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze rende disponibile sul proprio sito, in forma totalmente libera e gratuita la Bibliografia Nazionale Italiana (BNI).

I fascicoli in corso delle quattro serie (Monografie, Musica a stampa, Periodici, Tesi di dottorato)  sono pertanto consultabili e scaricabili in PDF sul sito BNCF.

Sono intanto disponibili le serie delle annate on line dal 2012 al 2014, a suo tempo in abbonamento, e tutti i fascicoli a partire dal 2015. La messa a disposizione  della cumulazione storica dei dati bibliografici dal 1958 è in fase di realizzazione.

Ciascuna serie è ricercabile in base all’annata e al fascicolo, ordinato e consultabile in base al numero di Classificazione decimale Dewey assegnato, con Indici per titoli, autori-persona, autori-ente, collezioni, soggetti e materie.

Per accedere al contenuto dei fascicoli, segurie le indicazioni sul sito dalla barra di menu in alto.  I singoli fascicoli sono scaricabili anche in PDF.

Sono inoltre state aggiornate le pagine del sito che presentano storia e caratteristiche attuali della Bibliografia Nazionale Italiana.

URL: <http://bni.bncf.firenze.sbn.it/bniweb/menu.jsp>