Strumenti di lavoro: Repertori di filigrane online

Nello studio dei manoscritti e degli antichi testi a stampa, la filigrana è il marchio di fabbrica della cartiera che ha prodotto un determinato foglio di carta. Essa rappresenta un riferimento importante per la datazione e la localizzazione della carta e quindi per la ricostruzione della storia dei codici manoscritti o a stampa. Lo studio di questi marchi è il campo di competenza di una scienza ausiliaria alla filologia, denominata “filigranologia”.

Esistono importanti repertori e banche dati che indicizzano decine di migliaia di filigrane. Elenchiamo in questo post alcune degli strumenti più utili consultabili gratuitamente in Rete.

Repertori storici:

Charles-Moïse BriquetLes filigranes: dictionnaire historique des marques du papier dès leur apparition vers 1282 jusqu’en 1600  (1. ed. 1907). Briquet ha personalmente raccolto più di 40.000 disegni di filigrane, di questi 16.122 sono riprodotti ed illustrati nelle diverse edizioni del suo dizionario. I disegni, veri e propri ricalchi, sono realizzati a matita su carta da lucido (ancor oggi, a questo scopo, il procedimento più rapido ed efficace) e sono catalogati numericamente e classificati a seconda delle figure o del motivo rappresentato. Accesso alla versione online: <http://www.ksbm.oeaw.ac.at/_scripts/php/BR.php?refnr=15254&lang=fr>

Gerhard Piccard, Die Wasserzeichenkartei im Hauptstaatsarchiv Stuttgart  (Stuttgart, 1961-1997: 17 vol.). L’imponente repertorio di Piccard comprende circa 92.000 disegni di filigrane.
In Rete sono disponibili due versioni:
– riproduzione dei singoli volumi (incompleto, mancano i vol. 1-2): <http://www.ksbm.oeaw.ac.at/_scripts/php/PPO.php>
– banca dati ricercabile, uno strumento moderno ed efficace (Piccard online): <https://www.piccard-online.de/start.php>

Banche dati più recenti:

The Gravell Watermark Archive: la collezione di Thomas Gravell, comprendente più di 7.000 filigrane prodotte tra il 1400 e il 1835. Accesso alla banca dati: <http://www.gravell.org>

Filigrane del Medioevo/ Wasserzeichen des Mittelalters: progetto a cura dell’Österreichischen Akademie der Wissenschaften (accademia austriaca delle scienze) – Istituto di studi medievali,  Divisione di codicologia e paleografia. Accesso alla banca dati (si può selezionare anche il menu in lingua italiana): <http://www.wzma.at/>

WZIS -Wasserzeichen-Informationssystem: banca dati a cura del Centro di ricerca tedesco sul libro manoscritto (DFG-Handschriftenzentren): indicizza 130.000 diverse filigrane. Accesso alla banca dati: <https://www.wasserzeichen-online.de/wzis/index.php>

WILC – Watermarks in Incunabula printed in the Low Countries: repertorio delle filigrane di  incunaboli stampati nei Paesi Bassi, a cura della Biblioteca nazionale olandese. Contiene circa 16.000 filigrane. Accesso alla banca dati: <http://watermark.kb.nl/default/search/advanced/>

Bernstein – The Memory of Paper: catalogo con più di 200.000 record che indicizzano filigrane europee realizzate nel Medioevo e nella prima Età moderna, provenienti da libri, documenti d’archivio, stampe, ecc. Nel catalogo le filigrane si possono ricercare attraverso parole chiave, le caratteristiche della carta o una classificazione di tipo visuale.
Accesso al catalogo: <http://www.memoryofpaper.eu/BernsteinPortal/appl_start.disp>

Il portale Bernstein contiene molte altre utilissime risorse relative alla storia della carta: per approfondire rimandiamo a questo nostro post.

Infine, per un’introduzione generale al mondo delle filigrane consigliamo una visita al Museo della carta e della filigrana di Fabriano.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *