Le fotografie dal ghetto di Łódź (Polonia) di Henryk Ross

Le rovine della Sinagoga in Wolborska Street , distrutta dai tedeschi nel 1939

Le rovine della Sinagoga in Wolborska Street , distrutta dai tedeschi nel 1939

La Art Gallery dell’Ontario ha messo in Rete la riproduzione digitale delle fotografie scattate da Henryk Ross (1910–1991) nel ghetto di Łódź tra il 1939 e il 1945. Si tratta di un archivio dal valore storico inestimabile che consta di più di 4.000 immagini.  Ross seppellì i negativi durante l’evacuazione del ghetto e, sopravvissuto allo sterminio, li recuperò nel 1945.

La città di Łódź, seconda per numero di abitanti della Polonia, al momento dell’inizio della Seconda guerra mondiale contava circa 250.000 abitanti ed era organizzata in una comunità ricca e culturalmente molto vivace. Fin dall’inizio dell’occupazione tedesca, nei primi giorni di settembre del 1939, iniziarono le persecuzioni contro di essa e nel maggio 1940 fu chiuso il ghetto della città, nel quale furono segregati circa 200.000 ebrei.

Per organizzare la popolazione locale e mantenere l’ordine le autorità tedesche imposero l’istituzione di un Judenrat (consiglio ebraico) all’interno del ghetto. Il consiglio del ghetto era presieduto da Mordechai Chaim Rumkowski, una delle figure più controverse della storia della persecuzione ebraica. Il suo ruolo lo pose in una posizione di grande responsabilità nei confronti degli abitanti del ghetto e gran parte del suo operato continua tutt’oggi ad essere tema di discussione degli storici. Egli obbligò ad enormi sforzi produttivi la popolazione, eseguendo puntualmente gli ordini tedeschi, nella speranza di salvare parte degli ebrei rinchiusi nel ghetto. Nel 1943 oltre il 95% della popolazione adulta era impiegato all’interno di 117 laboratori ed industrie, le quali, come si vantò Rumkowski con il sindaco di Łódź, rappresentavano “una vera miniera d’oro” ( >fonte: Wikipedia). In effetti, proprio a causa dell’estrema produttività il ghetto di Łódź sopravvisse più a lungo di ogni altro ghetto in Polonia ma ciò non fu sufficiente ad evitare il disastro: della popolazione ebraica del ghetto sopravvissero alla Seconda guerra mondiale meno di 10.000 persone.

Primo Levi, nel capitolo “La zona grigia” de I sommersi e i salvati, dedica Rumkoski alcune delle sue pagine più intense. Per approfondire l’argomento rimandiamo a un bell’articolo di Marco Belpoliti pubblicato su Doppiozero il 26 gennaio 2014 e intitolato Levi, Bellow e il Re dei Giudei

 

Qui la notizia dell’apertura al pubblico dell’archivio digitale:

«The Art Gallery of Ontario has launched a searchable, interactive digital archive of over 4,000 rare photographs from its Henryk Ross Collection of Lodz Ghetto Photographs. The archive, developed in partnership with Facing History and Ourselves and with contributions from Sarah and Chaim Neuberger Holocaust Education Centre, features digital copies of Henryk Ross’s original nitrate-based negatives, captured during the Second World War in the Lodz Ghetto of Poland. The launch of the website coincides with the 70th anniversary of the unearthing of Ross’s original negatives in 1945.

Henryk Ross (1910–1991) was a Polish-Jewish photojournalist employed by the Jewish Administration’s Statistics Department. At great risk to himself, Ross took thousands of photos of daily life in Poland’s Lodz Ghetto, which was occupied by German forces in 1939 and was the country’s second largest ghetto for the Jewish population after Warsaw. Ross hid his negatives by burying them in the ground after the last remaining residents of the ghetto were sent to Auschwitz, and excavated them only after the area was liberated from Nazi occupation in January 1945. Over half of the original 6,000 negatives survived, making his collection one of the largest of its kind to survive the Holocaust.

The Henryk Ross Collection was donated to the Art Gallery of Ontario by the Archive of Modern Conflict in 2007. The launch of the digital archive will allow people around the world to search and save images, tag photographs and add information in order to continue to build Ross’s legacy and enrich the public memory of the people and historical events he wished to commemorate. The website also features lesson plans and resources for teachers and students to learn about history, modern human rights issues and social change».

URL: <http://www.agolodzghetto.com/>

 

Ringraziamo Klaus Graf per aver segnalato questa risorsa nel suo blog Archivalia, da poco migrato sulla piattaforma di blog accademici Hypothèses.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *