La Biblioteca digitale della Bodleian Library e Ippolito Rosellini

Egitto

Anche la famosa Bodleian Library dell’Università di Oxford ha una nuova piattaforma, lanciata nel luglio 2015, che consente l’accesso gratuito ai suoi tesori digitalizzati.

«Digital.Bodleian provides access to parts of the collections of the Bodleian Libraries of the University of Oxford. The project began in 2011 and the website was launched in July 2015. In August 2015 over 120.000 digital objects were freely available online, with at least another 1.5 million images awaiting release. These images come from all over the world, from different time periods, and regarding different subjects.

Basic search is available. In addition, users can browse by collection. Many different collections are available, such as educational ephemera and children’s games of the 18th and 19th centuries, Burmese life and devotion, Cobbett’s parliamentary history, exploring Egypt in the 19th century, and the Gough map. It is possible to filter the collections: by early printed books, ephemera, history and politics, maps, oriental, prints and portraits, science and natural history, or western manuscripts».

Tra le opere digitalizzate segnaliamo l’importante edizione pisana dell’opera fondante l’archeologia egiziana, che fece seguito alla  memorabile spedizione franco-toscana in Egitto capitanata da Jean François Champollion e da Ippolito Rosellini nella prima metà dell’Ottocento:

Ippolito Rosellini, I monumenti dell’Egitto e della Nubia disegnati dalla spedizione scientifico-letteraria toscana in Egitto (Pisa, Capurro, 1832-1844)

Parte Prima: Monumenti storici (Tomo primoTomo secondoTomo terzo/parte primaTomo terzo/parte secondaTomo quarto)

Parte seconda: Monumenti civili (Tomo primo)

Parte terza: Monumenti del culto (Tomo unico)

Il Dipartimento di Scienze storiche dell’Università di Pisa ha dedicato un sito all’Archivio Ippolito Rosellini. Dalla pagina di presentazione del progetto:

«Ippolito Rosellini nasce a Pisa il 13 agosto 1800. A soli ventiquattro anni è già professore di Lingue orientali all’Università di Pisa, dove si era laureato.

La teoria di Jean François Champollion (1790-1832) sulla decifrazione del geroglifico cattura presto il suo interesse e lo porta a pubblicare, alla fine del 1825, uno scritto con il quale ne espone e divulga i risultati in italiano.

In quegli stessi anni i due studiosi hanno modo di incontrarsi in Italia e poi a Parigi. Insieme concepiscono il progetto di una spedizione congiunta di francesi e toscani in Egitto, sostenuta dall’appoggio politico e finanziario dei rispettivi governanti. La risposta favorevole del Granduca di Toscana, giunta all’inizio di settembre del 1827, è la molla che convince il sovrano francese Carlo X a superare varie riserve e ostacoli e a concedere il proprio appoggio all’impresa.

Se Champollion rimane il padre indiscusso della filologia egiziana grazie alla geniale decifrazione della scrittura geroglifica (1822), è all’italiano Rosellini che si deve la pubblicazione dell’opera fondante dell’archeologia egiziana, I Monumenti dell’Egitto e della Nubia.

La spedizione franco-toscana ideata e capitanata da Champollion e Rosellini aveva come obiettivo la documentazione dei monumenti dell’antico Egitto, allora misconosciuti, e la costituzione di collezioni di antichità egiziane.

Lasciata l’Europa alla volta dell’Egitto nel luglio del 1828, la missione intraprende un avventuroso viaggio che la porta in circa quindici mesi a visitare tutti i principali siti egiziani, fra i quali Giza, Saqqara, Menfi, Beni Hassan, Tebe, File e a giungere fino ad Abu Simbel e Wadi Halfa in Nubia. Al termine dell’esplorazione in Egitto e Nubia, Rosellini riporta in Toscana una massa imponente di materiale, tra cui il prezioso patrimonio di migliaia di disegni e note manoscritte a documentazione di monumenti e siti egiziani, che la Biblioteca Universitaria di Pisa custodisce con cura dal XIX secolo, e circa 1800 antichità, oggi al Museo Egizio di Firenze.

Una piccola collezione, costituita a titolo personale dallo zio di Ippolito, Gaetano Rosellini, ingegnere e membro della Spedizione, è oggi ospitata in parte presso il Museo dell’Opera del Duomo di Pisa e in parte nelle Collezioni Egittologiche dell’Ateneo pisano».

 

URL: <http://digital.bodleian.ox.ac.uk/>


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *