L’epistolario di Iacopo Ammannati Piccolomini, il «confidente» di papa Pio II

Papa Pio II (Enea Silvio Piccolomini)

Papa Pio II (Enea Silvio Piccolomini)

Nella collana «Fonti» della Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi è disponibile l’opera in tre volumi:

Lettere (1444-1479) / Iacopo Ammannati Piccolomini ; a cura di Paolo Cherubini. – Roma : Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni archivistici, 1997. – 3 vol. –  (Pubblicazioni degli archivi di Stato. Fonti ; 25).

Iacopo AMMANNATI (poi Ammannati Piccolomini), nato di antica famiglia pesciatina a Lucca l’8 marzo 1422 da Cristoforo, si trasferì ben presto a Pescia, dove compì i primi studi. Passò poi a Ferrara probabilmente all’inizio del 1430 per frequentare la scuola di Guarino veronese e in seguito a Firenze, per apprendervi da Leonardo Bruni e da Carlo Marsuppini la poetica e la retorica. Entrò poi in contatto col mondo umanistico fiorentino e con la Curia romana e, dopo un periodo di insegnamento al “Ginnasio Fiorentino”, entrò al servizio del cardinale Domenico Capranica, seguendolo in alcune ambascerie, tra cui quella presso il re di Napoli.
Assunto nella cancelleria papale da Cailisto III come apostolicorum diplomatum scriptor, nel 1455, mantenne la sua carica anche sotto Pio II, di cui divenne ben presto il consigliere più fidato; fu anzi come secretarius domesticus accolto nella famiglia stessa del pontefice, aggiungendone il cognome al proprio col diritto di cittadinanza senese.
Nel 1460 fu nominato vescovo di Pavia e nel 1477 ebbe in amministrazione anche il vescovato di Lucca. Morì il 10 sett. del 1479 a S. Lorenzo alle Grotte presso Bolsena e fu sepolto nella chiesa di S. Agostino a Roma.   >> leggi la voce del Dizionario Biografico degli Italiani

Questa importante pubblicazione è il frutto di uno sforzo ventennale con cui Paolo Cherubini ha messo insieme uno straordinario strumento di lavoro, completo di indici analitici e di una vasta bibliografia – insomma, un vero vademecum per chi studia il Quattrocento.

L’epistolario di Ammannati comprende 987 lettere.

Dall’Introduzione al primo volume:

«Tra gli epistolari umanistici che finora si conoscono, quello dell’Ammannati è senz’altro uno dei più ricchi, pur risultando ancora per molte parti lacunoso. Esso costituisce anche, soprattutto, un esempio fortunato, ed insieme complesso, di come si è andata formando e come si è tramandata un’opera umanistica. Straordinarie sono qui, infatti, la ricchezza e la varietà delle testimonianze rimasteci, le quali arrivano a coprire, per alcuni periodi, fin quasi la quotidiana attività epistolare del cardinale, della quale si colgono talora i diversi stadi, che testimoniano i momenti di crescita delle successive redazioni di una medesima lettera, le varianti d’autore, i suoi gusti in fatto di ortografia, la sua predilezione per determinate figure retoriche, le tecniche d’intervento materiale sul testo. Qualche volta riusciamo ad individuare le mani dei segretari che vergarono materialmente gli originali e le copie.

Esso è però, allo stesso tempo, complesso: non tutti i casi, infatti, si giunge a ricostruire con esattezza quegli stessi momenti preparatori, di cui s’intravede con certezza l’esistenza. Questo avviene in particolare per quelle lettere che ci sono pervenute in una redazione lontana tanto dall’originale, quanto da una probabile, successiva revisione d’autore, lettere che costituiscono di gran lunga la maggioranza. […]».

>> Per consultare il Tomo I clicca qui
>> Per consultare il  Tomo II clicca qui
>> Per consultare il  Tomo III clicca qui


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *